«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

mercoledì 13 novembre 2013

Perso!

Oggi ho fatto un'altra breve escursione.
Dalle mappe e da Google risulta evidente che, passando attraverso il bosco e le balze (v. Quattro salti fra le balze), sono a circa 1 Km. Di distanza da un paesino: il mio obiettivo era raggiungerlo e tornare indietro.
Per sicurezza, invece di tagliare dritto per il bosco, sono tornato indietro (allungando di molto la strada) fino a una diramazione da dove parte un sentiero CAI.
L'ho percorso senza problemi per un paio di Km in quanto seguiva una strada sterrata poi però sono arrivato a una casa e mi sono reso conto che il sentiero doveva aver girato un centinaio di metri prima.
Ho capito di essere “più o meno” nella valle parallela alla mia (dove cioè sarei sbucato se non avessi voluto cercare di seguire il sentiero) e così ho avuto l'idea, invece di tornare sui miei passi, di provare a tornarmene a casa. Sulla decisione hanno influito due considerazioni: non ero certo di riuscire a individuare dove il sentiero deviava dalla strada e, soprattutto, non mi andava l'idea di dover ripassare davanti alla rete di tre pastori maremmani (*1) veramente cattivi...
Così mi sono erpicato sopra una balza dovendo cambiare un paio di volte strada perché per il fango, i pruni e la pendenza non riuscivo a passare e, solo dopo un bel po', mi è riuscito raggiungerne la cima.
Ovviamente ero andato “lungo” sbucando sulla valle successiva alla mia e in più la cima dove ero arrivato era a strapiombo sull'altro versante: così ho seguito il crinale per un centinaio di metri fino a quando non sono arrivato in una stretta giogaia che collegava la mia valletta con quella in cui mi trovavo. Lo seguita per qualche centinaio di metri fin quando ho riconosciuto il punto dove si apre un valico per scendere dalla mia parte e, finalmente, sono riuscito a tornare a casa sbucando dalla più improbabile delle direzioni...

Sfortunatamente ero senza macchina fotografica ma la prossima volta vedrò di portarla per documentare il mio tragitto...

Nota (*1): io non ho paura dei cani ma questi mi sono sembrati veramente pericolosi perché si eccitavano a vicenda e, in un punto della recinzione, la rete non mi sembrava troppo alta...

Nessun commento:

Posta un commento