«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

martedì 27 giugno 2017

Nessuna conclusione

[E] Per la comprensione completa di questo pezzo è utile la lettura della mia Epitome (V. 0.3.0). In particolare i capitoli: 11.

Premetto che mi fa caldo: anche qui da me le minime notturne sono salite molto cosicché stamani avevo 25° invece dei 22° della scorsa settimana: e a fine giornata questi 3 gradi di differenza si sentono... Lo premetto perché il caldo mi toglie energie e voglia di scrivere, soprattutto pezzi impegnativi come il seguente: però è una questione che mi sta a cuore e sulla quale già da molti mesi ogni tanto mi capita di riflettere.

Lo stimolo che mi ha fatto decidere a scrivere il mio pensiero è venuto da un articolo “politico” di Goofynomics: PD delendus est (dichiarazione di voto).
Nel breve pezzo pubblicato alla vigilia dei ballottaggi delle comunali il professore invita a votare non a favore di un partito ma contro il PD: non perché l'alternativa sia migliore ma per punire il partito di governo che, coscientemente, sta distruggendo l'Italia.

Nel mio comune non c'erano ballottaggi e “fortunatamente” (cioè indipendentemente dalla mia dimenticanza di due settimane fa!) il “mio” sindaco PD senza fatica né affanno è stato riconfermato per un altro mandato (anche se i ben informati mi dicono che si candiderà alle regionali: vedremo...).
Però mi sono già molte volte chiesto cosa farò alle prossime elezioni politiche.

Come i miei fedeli lettori dovrebbero sapere non mi riconosco in nessun partito né di sinistra né di destra, distinzione che comunque ritengo superata ([E] 11.5), e la mia speranza nel M5S è stata breve, appena un anno e mezzo, visto che ormai mi sono reso conto che si tratta di un populismo apparente ([E] 11.4) con tutto ciò che tale definizione comporta.
Quindi alle prossime elezioni cosa farò? Mi asterrò oppure farò una scelta affine a quella suggerita dal professor Bagnai: usare cioè il mio voto per punire o magari votare ciò che in quel momento mi sembrerà il “meno peggio”?

Onestamente ancora non lo so. Lo scopo di scrivere questo pezzo, nonostante il caldo, è proprio la speranza di chiarirmi le idee: spesso infatti il costringermi a riordinarle ed esporle elencandole a una a una mi aiuta a comprenderle maggiormente...

Il problema è che la razionalità mi spinge in una direzione e la moralità in un'altra. Mi spiego meglio: più o meno dal 2001 al 2013 avevo smesso di votare. Nessun partito mi convinceva, anzi li ritenevo tutti sostanzialmente uguali (v. Douche and turd), ed ero giunto alla convinzione che era sbagliato votare per il meno peggio perché se avesse vinto, e quindi governato, sarei stato suo complice avendolo sostenuto: in altre parole ritenevo che votare un partito ritenuto inadatto a governare fosse moralmente sbagliato.
Questo mio ragionamento può apparire superficiale (e forse lo è) ma recentemente ho scoperto che Kant la pensa come me: l'imperativo categorico, l'obbligo morale di fare ciò che si ritiene giusto indipendentemente dalle conseguenze è (secondo me!) equivalente all'obbligo morale di non fare ciò che si ritiene sbagliato indipendentemente dalle conseguenze.
Semmai il punto diviene quindi se, votare un partito che, per enne motivi, non ci convince, sia sbagliato oppure no: ripensandoci è ovvio che è sbagliato perché equivalerebbe a mentire (a se stessi (*1)).
D'altra parte le prossime elezioni sono una delle ultime possibilità che il popolo italiano ha prima di ritrovarsi in una situazione simile a quella del collasso greco: forse in questo caso, viste le estreme conseguenze dei disastri che un governo sicuramente cattivo combinerebbe, potrebbe aver senso votare quello “meno peggio” nella speranza che faccia meno guai.

Cioè la situazione è qui più complessa: da una parte a livello individuale il singolo elettore ha il dovere morale di non votare per una forza politica che non lo convinca, da un'altra però si ha anche il dovere di fare il meglio per la collettività e questo, in effetti, potrebbe coincidere col votare per il “meno peggio”.

Questo è un po' il limite che ho trovato nell'analisi dell'etica da parte di filosofi come Kant e Aristotele (v. il paragrafo prima della “Conclusione” di Varie su Aristotele) ovvero cosa fare quando si hanno due obblighi contrastanti. Oltretutto c'è anche una bella dose di incertezza: ad esempio il partito “meno peggio”, se al potere, agirebbe veramente in maniera migliore del partito che riteniamo peggiore?

Sono tentato di interrompere qui il mio ragionamento e prendermi una pausa di riflessione: istintivamente sarei tentato di affermare che fra due obblighi morali quello verso la società sia più importante di quello verso se stessi; ma un'intuizione più profonda e sottile mi suggerisce che ci sia qualcosa di inumano, contrario cioè alla natura umana (*2), in ciò.
No... sono ragionevolmente convinto che un'etica che ponga gli obblighi morali dell'individuo verso se stesso al di sotto di quelli verso la società finisca per generare inevitabilmente delle aberrazioni morali (*3).
Forse si dovrebbe prendere in considerazione la quantità di torto che si fa a noi stessi e quella di bene che potremmo fare alla società: è chiaro che darsi una martellata su un dito sia un torto verso noi stessi ma se così facendo si avesse la certezza di salvare, ad esempio, una vita umana?
In questo caso parrebbe mostruoso e ingiustificabile egoismo non accettare di darsi una martellata su un dito. Ma ragionando così si rischia di cadere nell'infantile utilitarismo di Bentham in cui la morale è il risultato di un calcolo algebrico...

Sì, ci devo riflettere ancora...

Conclusione: al momento nessuna! Ma ritornerò su questo argomento...

Nota (*1): Ecco questa è già una preziosa intuizione: votare per un partito che non ci convince è un crimine morale verso noi stessi.
Nota (*2): Qualcosa che mi ricorda troppo la morale di Rawls (v. Dubbi su Rawls).
Nota (*3): Ad esempio con una morale di questo tipo si potrebbe facilmente giustificare moralmente l'aguzzino che per conto di un governo (ovvero per il bene della società) torturi un'altra persona: l'aguzzino, pur provando ribrezzo e disgusto per ciò che fa, facendo cioè torto a se stesso torturando un'altra persona, potrebbe essere moralmente giustificato perché agirebbe a favore del presunto bene della società.

sabato 24 giugno 2017

Novità dalla Paradox

Lo scorso 18 maggio pubblicai il pezzo Paradosso Paradox nel quale facevo una previsione “azzardata”: tale compagnia fallirà nel giro di qualche anno. Ho messo “azzardata” fra virgolette perché in realtà non ho abbastanza dati a disposizione per poterne essere sicuro (in particolare non conosco il peso dei titoli sviluppati direttamente da loro sul fatturato) ma di sicuro ho notato una strategia commerciale errata.

Con mio stupore (fu lo stimolo a farmi scrivere il pezzo) quello stesso giorno era nata una nuova polemica: la Paradox aveva alzato in maniera completamente irragionevole il prezzo di tutti i suoi prodotti nelle regioni non EU e USA (ad esempio in Russia che credo sia nei videogiochi il terzo mercato ma anche in Brasile, Turchia etc).
Già quel giorno c'erano state molte reazioni irate da parte degli utenti di quei paesi e in breve, spontaneamente, era stata presa la decisione di inserire commenti negativi nella valutazione del gioco che poi Steam (la piattaforma sulla quale avvengono il maggior numero di vendite) presenta ai potenziali acquirenti.
In quei primi giorni tali valutazioni negative erano sporadiche ma, quando la scorsa settimana ho ricontrollato, le recensioni recenti erano tutte “Mostly negative” ovvero la valutazione peggiore in assoluto (mentre la valutazione complessiva, ovvero basata su tutte le recensioni accumulate nel corso degli anni, invece non ne risentiva troppo).
Però quel “Mostly negative” era di sicuro un campanello di allarme per tutti i possibili acquirenti: per me sicuramente lo sarebbe stato se non conoscessi la storia di questi giochi.
Sul sito della Paradox c'era stato solo un unico comunicato ufficiale in cui si diceva che i prezzi erano stati adeguati al costo della vita di alcuni paesi, erano incrementi naturali e che nel breve, sicuramente, non sarebbero stati cambiati. Affermazioni tutte massacrate dai lettori con tanto di tabelle e dati...

Questo 22 giugno sono poi iniziati i consueti saldi estivi su Steam e, sorpresa, mentre ero al calcolatore mi sono apparse le notifiche dei giochi Paradox che seguo (come ho detto almeno sei!) una dietro l'altra che brevemente annunciavano una completa marcia indietro sui prezzi e rimandavano al seguente comunicato ufficiale del CEO: Forum.Paradoxplaza.com.

Prima di commentarlo qualche riflessione.
Avendo militato fra gli attivisti del M5S sono rimasto in contatto con molti di essi su FB: ho notato che molti che non fanno più parte del movimento, ma che per esso avevano investito enormi energie fisiche, mentali ed economiche, adesso sono divenuti i suoi più acerrimi nemici.
Credo che sia un meccanismo psicologico abbastanza comune: chi ama, ma poi si sente tradito, finisce per odiare l'oggetto del suo precedente amore. In pratica si passa da un eccesso a un altro!
Ecco: qualcosa di questo genere è successo o sta succedendo a molti entusiasti della Paradox.
Probabilmente gli “esperti” di mercato della Paradox non l'avevano previsto. Non solo, la protesta nata dalla Russia si è estesa anche agli utenti dei paesi occidentali per i quali i prezzi non erano cambiati: come scrissi nel precedente pezzo la Paradox ha nell'ultimo anno e mezzo tirato molto la corda sulla qualità/quantità/prezzo dei propri prodotti indisponendo tutti gli utenti che quindi hanno colto l'occasione per manifestare la propria contrarietà alla politica commerciale di tale azienda.
In definitiva è successo che non ci deve essere solo stato un calo (sicuramente previsto) delle vendite nei mercati secondari (Russia, Turchia, Brasile, etc...) ma un crollo globale.

Ma veniamo al messaggio del CEO diviso su tre punti.
1. Nel primo punto ammette che gli aumenti dei prezzi sono completamente ingiustificati. Adesso con i saldi in corso non è possibile cambiarli, ma che verranno ripristinati i vecchi prezzi appena possibile. Ci sono poi vaghe promesse che chi acquista adesso (al prezzo maggiorato) sarà poi rimborsato con modalità da stabilire.
Sfortunatamente il comunicato non dice come si sia giunti alla decisione dell'aumento dei prezzi: l'avrei trovato molto interessante.

2. Nel secondo punto invece difende la politica delle DLC adottata a partire da “King Crusader 2”. Egli spiega che con ogni DLC anche il gioco base viene aggiornato e che quindi, chi ha comprato solo quello, si ritrova comunque adesso con un prodotto molto più evoluto.

3. Non ha cambiato idea per il boicottaggio ma perché è stato convinto dagli argomenti dei “fedeli” entusiasti dei giochi Paradox che magari da oltre un decennio scrivono sul forum dell'azienda. Si vanta poi di aver trasformato un'azienda di 7 persone in una di 225 facendo di testa propria e facendosi raramente influenzare dalle opinioni altrui.

(4). Fuori da questi punti risponde infine al mio sospetto maggiore: ovvero che il cambiamento di politica sia dovuto all'azienda divenuta una società per azioni. Il CEO replica che lui ha ancora il 33% delle azioni e che quindi non è cambiato niente.

I miei commenti.
1. Io credo che questa marcia indietro sia tardiva per salvare le vendite dei saldi estivi: chi si fiderebbe di un dubbio rimborso imprecisato sia nella modalità che nella dimensione? Il grande CEO, capitano d'industria, doveva decidersi prima a cambiare idea...

2. La politica delle DLC è miope. È mirata a mantenere e guadagnare sul proprio nucleo di utenti: ovvero coloro che hanno comprato il gioco all'uscita e che, col tempo, hanno comprato le varie espansioni ogni sei mesi. Dopotutto se si passano decine e decine di ore su un gioco non è poi una grossa spesa spendere 15€ ogni sei mesi per delle novità che lo rinnovano.
Il problema però è che in questa maniera si scoraggiano i nuovi utenti: adesso (con i saldi) per comprare King Crusader 2 e tutte le espansioni occorre “appena” 129.35€ (119.31€ per la raccolta del gioco base più quasi tutte le espansioni e 10.04€ per l'ultima di queste).
Onestamente io, per un gioco che non conosco e che non sono sicuro che mi piaccia, una tale cifra non ce la spenderei mai. E come me sicuramente dissuade tanti altri potenziali acquirenti.
In altre parole questa politica di vendita di DLC ad alti prezzi non allarga la base di giocatori e, quindi, nel lungo termine è perdente.
Non solo: gli utenti che hanno ormai compreso la strategia della Paradox saranno comunque restii a comprarne i nuovi prodotti. Infatti anche chi è possiede un gioco dall'inizio e continua a comprarne le varie espansioni ha comunque la sensazione di “essere spremuto” al massimo e si ripromette di non cascarci più. Da questo punto di vista di vista “Stellaris” e “Heart of Irons IV” sono usciti quando ancora questa tendenza non era chiara e quindi non ne hanno patito le conseguenze ma dubito che eventuali nuovi giochi saranno altrettanto “fortunati”.

3. Il CEO della Paradox è la tipica persona che nel valutare il proprio successo sovrastima i propri meriti alla buona sorte (v. 4 aneddoti e una domanda). Il successo della Paradox non è tanto dovuto alle sue mirabolanti intuizioni commerciali quanto piuttosto è associata alla crescita di Steam che ha permesso alla Paradox di far conoscere e vendere i propri prodotti sul mercato globale. I prodotti della Paradox sono estremamente di nicchia ma, nel mercato globale, questa non è una pozza ma un laghetto. È stata cioè la crescita di Steam a portare nuovi utenti a Paradox...
Da questo punto di vista l'espansione di Steam non potrà continuare ancora molto: quindi se Paradox vorrà aumentare le vendite dovrà cambiare la propria strategia commerciale e, sicuramente, il primo passo dovrà essere quello di diminuire i prezzi delle DLC (che, come detto, a livello di contenuti sono estremamente povere). Altrimenti il CEO non arriverà mai ad avere 300 dipendenti...

(4). Rimango della mia idea: Paradox come società per azioni punta al profitto nel breve termine e in questi due ultimi anni lo ha ottenuto sacrificando a esso la fedeltà e l'entusiasmo della propria base. Adesso che le vendite (lo sospetto solamente perché non ho dati (*1) si prospettano estremamente negative ecco che il CEO inizia ad ascoltare gli inveterati entusiasti che da oltre dieci anni comprano i suoi prodotti...

Conclusione: sospetto che i miei lettori non siano molto interessati alle vicende della Paradox ma io le trovo molto interessanti: vedremo se questa batosta farà cambiare strategia commerciale all'azienda ma, da quel che ho capito del CEO, credo che preferirà rimanere un grande ammiraglio in un laghetto piuttosto che un capitano nell'oceano.
Altra conclusione è che, come avevo previsto (v. Il futuro della democrazia), il boicottaggio oggi, almeno in specifiche situazioni, funziona ancor più di ieri...

Nota (*1): anche se ci sono siti dai quali sarebbe possibile fare stime, vediamo un po'...
Ecco per un gioco nuovo (con solo due DLC oltre al gioco base) Stellaris da questo sito sembrerebbe che nel primo giorno di saldi siano state vendute circa 4000 copie, cioè circa lo 0,36% del totale già venduto.
Per “Europa Universalis IV” invece (vedi qui) sono state vendute circa 2000 copie equivalenti allo 0,16% del totale già venduto.
A occhio non mi sembra molto ma per verificare dovrei vedere l'andamento delle vendite di altri giochi analoghi (per anno di pubblicazione, genere, costo base ed entità dello sconto) ma non ne ho voglia e preferisco aspettare che qualcuno, magari più pratico, faccia questo lavoro per me...

venerdì 23 giugno 2017

Tanti commenti

Finalmente, tutto all'improvviso, i miei lettori hanno iniziato a commentarmi!!
è strano perché come spiegato nel corto Ritorno alla normalità da fine maggio non ho più quegli strani picchi periodici nelle visite...
Per qualche strano motivo Blogger li considera spazzatura e non me li fa pubblicare: io però voglio dare soddisfazione e rispondere a chi si è impegnato per lasciarmi commenti tanto arguti e divertenti. Siccome i commenti sono troppi mi limiterò a pubblicarne una dozzina. Chiaramente, per motivi di riservatezza, non pubblicherò i nomi di chi mi ha scritto...

Commenti a Versione 0.3.0: pubblicata!

[Questi commenti sono ovviamente un po' più tecnici dei successivi ma voglio dare una panoramica globale di cosa mi è stato scritto e preferisco procedere con ordine...]

1. Attractive component of content. I just stumbled upon your blog and in accession capital to claim that I acquire in fact enjoyed account your weblog posts. Anyway I'll be subscribing in your augment and even I success you get right of entry to consistently fast. Here is my website ... Manifestation Miracle Download

Grazie! Non ne sono sicuro ma penso di essere d'accordo con te! [Evidentemente un altro bloggatore giustamente impressionato dalla mia opera.]

2. I have proven only the complete prime 20 NBA gamers for the primary season, fifty nine-60... different years focus solely on Wilt & Russell's teams.

Ovviamente puoi applicare la mia teoria dei protomiti e parapoteri anche al mondo della pallacanestro!

3. I would just like to inform what is all about.

Cioè?
[Questo probabilmente è un complottista: chissà però cos'ha in mente...]

Commenti a Brevi dal caldo

4. You're a boss.

Chiaramente è un'esagerazione ma questi complimenti fanno comunque piacere: grazie!

5. Wow, awesome blog layout! How long have you been blogging for? you made blogging look easy. The overall look of your site is magnificent, as well as the content! Here is my web-site: 3 Week Diet Plan (sydneyshutters.com.au) 

Grazie! Magari proverò a scrivere dei pezzi su come costruirsi un viario come il mio con mezze dozzine e mezze dozzine di lettori quotidiani...

6. Under Armour reported $three.08 billion in income in 2014 and expects about $three.eighty four billion in 2015.

La ringrazio moltissimo per l'importante precisazione: il Vostro contributo al mio viario è per me un grande onore!
[credo che sia Stiglitz, il nobel per l'economia!]

Ma i commenti più interessanti li ho ricevuti a Guglielmo Tsunetomo.

7. It is truly a nice and useful piece How to Treat Of Hemorrhoids info. I am satisfied that you shared this helpful info with us. Please keep us informed like this. Thank you for sharing.

Grazie! :-P
[Non volevo dare la falsa impressione che tutti i commenti fossero favorevoli. Almeno questo signore è stato spiritoso...]

8. Hmm it appears like your website ate my first comment (it was extremely long) so I guess I'll just sum it up what I submitted and say, I'm thoroughly enjoying your blog. I as well am an aspiring blog writer but I'm still new to the whole thing. Do you have any points for first-time blog writers? I'd really appreciate it. my weblog Heartburn No More Works

Beh, magari ci scriverò un pezzo sopra a parte comunque ti voglio darti qualche suggerimento ugualmente. I primi tre consigli che mi sento di darti: 1. scrivi quello che pensi senza rincorrere le idee del pubblico; 2. cerca di essere chiaro e sincero. 3. abbi pazienza e persevera. Se seguirai questi miei consigli anche tu, in circa 7 anni, otterrai mezze dozzine e mezze dozzine di lettori quotidiani come me!

9. Thanks for finally talking about “Guglielmo Tsunetomo”;Loved it!

Ehmm... Veramente Guglielmo Tsunetomo non esiste! Il titolo è basato sulla divertente fusione dei nomi “Guglielmo Tell” e “Yamamoto Tsunetomo”... ;-)
Grazie per i complimenti però!
[Non voglio mortificare i lettori distratti facendoli sentire stupidi ma ci tengo a precisare...]

10. I think this is among the most significant info for me. And i am glad reading your article. But should remark on some general things, The web site style is wonderful, the articles is really great : D. Good job, cheers My blog :: Michael Fiore Text Your Ex Back

Beh, anche se non lo ammetterei mai credo che anche la forma abbia la sua importanza: è fondamentale non solo ciò che si scrive ma anche, per esempio, il grigio topo/Gentiloni dello sfondo...

Ma anche sul mio pezzo politico Il punto su M5S ed elezioni ho ricevuto commenti interessanti...

11. These are genuinely great ideas in about blogging. You have touched some fastidious points here. Any way keep up wrinting. Here is my weblog: What Exactly is Penis Enlargement Remedy?

Grazie! Come disse Salvini a Bossi: “Non basta averlo duro”...

12, I decided to come up with the points I liked, the things I handle passionate approaching and assign the passion connected with pictures. In a short time, I had created a tiny understanding of men and women in which got pleasure from study exactly what Papers produced, this also was astonishing by itself, being really, I’d in no way guessed someone to take pleasure from anything I’d written within my own small hole on-line. Months then years pitched, then these increased in order to mils (in some way). Currently my personal tiny place under the label “Zoella” possesses spread out in order to YouTube with once a week online video in addition to each day ramblings on a couple routes “Zoella” and “MoreZoella”, the publishing earth with my tape splitting top offering debut different “Girl On the net” (little character) and also the sills connected with Superdrug with my splendor series “Zoella Attractiveness”. You may often get me on the number of magazines also! I’ve experienced the

E quindi? [Questo commento l'ho voluto pubblicare perché si vede che il lettore si è impegnato molto per cercare di scrivere un commento non superficiale. Poi però deve aver premuto “Pubblica” per sbaglio senza concluderlo... ]

Vabbè, mi fermo qui: ma i commenti ricevuti sono stati veramente tanti, ricchi di complimenti, osservazioni intelligenti e spunti che sicuramente prenderò in considerazione!
Grazie anche a tutti coloro che non ho avuto modo di rispondere direttamente!

Conclusione: ma perché “spazzatura”? Queste sono perle!

martedì 20 giugno 2017

Versione 0.3.0: pubblicata!

Finalmente ho finito la rilettura globale e, senza aspettare un solo secondo, passo a pubblicare la nuova versione, la 0.3.0, dell'Epitome!

Le novità sono grosse: vediamole in ordine di importanza...

1. Aggiunta una nuova parte, la terza, con ben tre nuovi capitoli.
2. Quasi interamente riscritto il primo capitolo.
3. Aggiunti quattro nuovi sottocapitoli (uno di essi nel primo capitolo).

Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.
Ricordo che la prima parte dell'epitome è di “teoria” e ho cercato di riunirvi tutti i concetti che uso poi nella seconda parte, che considero una sorta di “pratica”, per analizzare molti aspetti della società moderna.
Nella terza parte ho deciso di aggiungere tutti quegli argomenti che reputo importanti ma di cui non mi sono ancora chiari degli aspetti: inserirli nella seconda parte sarebbe stato comunque fuorviante visto che io per primo non mi fido al 100% delle mie idee, ma non trattarli sarebbe stata una limitazione eccessiva visto che si tratta di argomenti importanti. La soluzione è stata quindi quella di inserirli in questa nuova terza parte, chiamata appunto “Incertezze”, dove gli argomenti trattati presentano, dal mio punto di vista, degli aspetti oscuri. La mia incertezza non è però nascosta e anzi l'evidenzio esplicitamente nel sottocapitolo finale che non si chiama semplicemente “Conclusioni” ma “Incertezze e conclusione”!
I nuovi capitoli sono sulla Scienza (riepilogo concetti in parte già esposti in maniera frammentaria in diverse altre parti dell'epitome); sulla Legalità (materiale tutto nuovo di cui anche sul viario non ho scritto molto) e, ovviamente, l'Immigrazione (riepilogo quanto ho già scritto sul viario e vi aggiungo un'idea MOLTO interessante, v. il corto Nuova intuizione).
Mi pare importante sottolineare che adesso nell'epitome ci sono dei concetti più “avanzati” rispetto a quelli espressi nel viario...

Ho riscritto il primo capitolo cercando di interpretare i mugugni di chi ha tentato di leggere la mia epitome fermandosi però poco dopo. Onestamente era forse un capitolo un po' noioso perché faceva un lungo elenco di “limiti” senza esplicitare dove si andava a parare e, oltretutto, non era molto ben scritto a causa dei numerosi copia e incolla fatti da un mio vecchio pezzo.
Adesso ho “compresso” la maggior parte dei limiti in un unico sottocapitolo spostando gran parte del materiale nelle note e tagliando qualcosa. Il limite temporale è rimasto com'era mentre ho aggiunto un nuovo sottocapitolo che riporta tutta una serie di limiti psicologici umani ripresi in pratica dal corso di psicosociologia. Nel complesso credo che sia divenuto più facile e gradevole da leggere: spero che incoraggi la lettura delle parti successive.
Ah, inoltre ho aggiunto una breve introduzione alle tre parti che riassume anche il contenuto dei diversi capitoli: spero che anche questo aiuti il lettore a inquadrare meglio ciò che andrà a leggere in maniera che non si trovi perso.

Gli altri nuovi sottocapitoli aggiunti sono: “La democratastenia” dove in pratica definisco cosa sia l'opposto dei parapoteri, un concetto che sarà poi molto utile; “L'ottimo per la popolazione” dove do delle indicazioni su quale dovrebbe essere il rapporto di forza ideale fra i vari gruppi di una popolazione per avere la massima giustizia sociale; “La criptocrazia” ovvero l'altra faccia della democrazia.

Qua e là ho aggiunto qualche nuova definizione nell'ottica indicata in Definizioni: epomiti, equimiti, criptocrazia e democratastenia. Alcune più utili altre meno.

Infine ho dato una bella rilettura generale apportando molte piccole correzioni, dal refuso all'aggiunta magari di una nota esplicativa, in praticamente tutti i sottocapitoli. Adesso inizia a essere leggibile e, quasi, non me ne vergogno più: infatti ho fatto “salire” di un'altra posizione il rimando all'Epitome sulla colonna di destra del viario: adesso è appena sotto la sezione "Archivio Blog"!

Conclusione: come al solito mi pare di aver fatto un buon lavoro; come al solito adesso sono tutto contento, poi ci sarà la fase di delusione non ricevendo nessuna notizia da coloro a cui avrò mandato l'epitome, poi (lentamente) mi tornerà la voglia di aggiungere del nuovo materiale (ho già una pagina di appunti su nuove idee)... oppure, nella migliore delle ipotesi, mi stuferò di perderci tempo!