«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

mercoledì 4 gennaio 2017

La fortuna delle brutte

Da qualche giorno ho un nuovo libro per il bagno: Peribáñez e il commendatore di Ocaña di Lope De Vega Carpio, Ed. Biblioteca Universale Rizzoli, 1965, trad. Antonio Gasparetti.
Scelto completamente a casaccio visto che il titolo non mi diceva niente...

In realtà non è male e probabilmente ne scriverò una volta terminato. Oggi mi voglio invece soffermare su una singola nota: nella prima scena del primo atto un personaggio rivolgendosi alla bella protagonista femminile le dice «...la fortuna delle brutte è toccata stavolta alla bella Casilda!».
La nota piè di pagina spiega che “la fortuna delle brutte” era un antico modo di dire spagnolo per indicare quella fortuna che tocca “inaspettatamente a una donna che non ha alcune particolare dote per meritarla”.

È però maggiormente interessante osservarne il significato implicito dato dalla contrapposizione fra donna bella e donna brutta o, almeno, non bella.
Il sintagma infatti non è “la fortuna delle donne che non hanno particolari doti per meritarla” ma si focalizza invece sull'aspetto esteriore della bellezza/bruttezza.
Evidentemente per gli spagnoli dell'epoca la dote principale di una donna doveva essere la bellezza: se una donna non era bella, ovvero se era brutta, allora era come se fosse priva di ogni pregio: qualsiasi colpo di fortuna che le fosse capitato sarebbe quindi stato “inaspettato” e “immeritato”.
Viceversa sembra che per la donna bella sarebbe stato normale che la sorte le riservasse le migliori fortune.

Non so: spero di non aver letto in tale semplice frase più di quanto non ci fosse ma non credo.

Conclusione: un detto apparentemente innocente ma profondamente maschilista.

Nessun commento:

Posta un commento