«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

mercoledì 26 giugno 2013

I "miei" programmi musicali

Mi sembra interessante fare una veloce carrellata sugli strumenti informatici che uso per studiare la chitarra. Per questo oggi, mentre mi esercitavo, ho preso delle immagini dello schermo via via che usavo programmi diversi.

Questa è la mia cartella per la chitarra con tutti gli archivi che uso più frequentemente:
In rosso ho sottolineato gli archivi che uso adesso (ma mi sono dimenticato "Batteria.h2song" con i ritmi per Hydrogen!) e la cartellina "Archivo" dove sposto (quando me lo ricordo) i dati che non mi servono più...

Per il riscaldamento uso Hydrogen e scelgo, a rotazione, una ritmica che scandisca il tempo in 4/4 con diversi elementi della batteria (kick, Tom Low, Closed HH, etc...)
Per il pattern uso sempre Hydrogen ma ovviamente con pattern diversi che mi aiutano a scandire le pennate. E, sempre ovviamente, cambio i bpm!

Quando invece suono sopra i brani reali (Vodka, Unholy Paradise e Viva la vida) adopero Audacity per caricare l'archivio .ogg e poi manipolarlo per rallentarlo o modificarne il tono. Nella pratica il tono lo cambio una volta e poi salvo l'archivio modificato in maniera da non doverci rimettere le mani (come con il brano Viva la vida che ho abbassato di un semitono). Invece il tempo (questa funzione di Audacity lascia inalterato il tono!) lo cambio volta per volta della percentuale che mi serve...

Infine, quando ho lo spartito in formato .gp4 o .gp5 (tipo March of the swordman dei Rhapsody e Purple Haze di Jimi Hendrix), uso Tuxguitar e Qsynth. Qsynth non è strettamente necessario perché è solo un programma che usa dei suoni di alta qualità per i vari strumenti MIDI: senza di esso gli strumenti di Tuxguitar suonano in maniera molto artificiosa...
Con Tuxguitar mi cambio la velocità in bpm dell'intero brano o di parti di esso e, premendo F9, scelgo su quali battute esercitarmi. Con F7 posso selezionare la cosiddetta “MIDI Port”, ovvero Qsynth, ma in genere non ce ne è bisogno se mi ricordo di avviarlo prima di Tuxguitar e ho chiuso Hydrogen...

Manco a dirlo uso Linux (Mint) e tutti i programmi citati sono gratuiti: ogni tanto ho la tentazione di comprarmi Guitar Pro 6 ma, per le mie esigenze attuali, sarebbe uno sfizio sostanzialmente inutile...

Nessun commento:

Posta un commento