«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

giovedì 21 marzo 2013

Lezione LI: QUI z

Lezione che mi è parsa molto interessante anche se, mi rendo conto, la mia impressione è dettata molto dal mio umore (e oggi era buono).

Riscaldamento: qualche piccola modifica. Eliminate le quattro battute dei Muse (che in effetti avevano poco senso perché troppo facili e sostanzialmente inutili). L'unica battuta di Layla (utile per l'hammer on e il pull off da eseguire in rapida successione col mignolo) devo ristudiarla stando attento ai tempi: colpa mia, perché da tempo ignoravo lo spartito e mi limitavo a suonare le note in successione il più rapidamente possibile...
Tutto qui: ma per la prossima lezione il maestro mi ha già anticipato che vuole rivoluzionare tutto impostando il riscaldamento in maniera diversa. Vedremo!

Pattern: niente di nuovo. Per la cronaca sono a 60 bpm e aumento di 2 bpm a ogni esercitazione.

Aces High: sospeso! In effetti non ne potevo più perché era da settembre che mi trascinavo questo pezzo. Per la cronaca avevo raggiunto la velocità obiettivo per le battute da 1 a 19 (*1), dalla 36 alla 67 e dalla 84 alla 115. In pratica ero rimasto indietro solo col frammento dalla battuta 20 alla 35 (184 invece che 235bpm). Ripensando a come ho gestito questo pezzo mi sono reso conto di essere stato troppo conservativo nell'aumentare i bpm, soprattutto inizialmente, e questo mi è costato forse un paio di mesi...

Surfing USA: ci siamo dimenticati di parlarne. Sicuramente è troppo facile e dovremo cambiarlo ma, per adesso, me lo tengo...

Lavender: con un po' di pazienza ho acquisito la manualità necessaria per eseguire la difficilissima battuta 36. Adesso sto iniziando ad aumentarne i bpm: sono a 52 e devo arrivare a 75...

Breaking the Law: sono molto contento: ho raggiunto la velocità obiettivo nelle prime tre parti (dove la seconda inizialmente mi restava ostica) e adesso suono di fila le battute dalla 1 alla 25 e ciò mi dà molta soddisfazione...
Sfortunatamente la quarta parte, quella in palm muting, continua a rimanermi difficile: adesso il problema non è più solamente mantenere il tempo ma, fisicamente, plettrare alla velocità richiesta. Un alternativa sarebbe quella di fare una plettrata bidirezionale ma in questo caso ho problemi a mantenere il palm muting quando plettro verso l'alto. Il maestro mi ha consigliato di insistere con le sole plettrate verso il basso e così farò...

Heroes (dei Masterplan): va invece a sostituire Aces High. A un primo ascolto mi pare abbordabile ma è presto per dirlo...
Per adesso mi limito all'assolo iniziale, le battute dalla 2 alla 5 ripetute due volte. Oggi l'ho già provato e ci sono quasi: suono però a 70 invece che 95bpm, ma conto di aumentare rapidamente il tempo.

Teoria: più che “teoria” sarebbe “tecnica” ma insomma...
Abbiamo rivisto la maniera in cui devo impugnare il plettro, vedi figure:

Questa era la vecchia maniera dove avevo il problema che l'indice, dopo un po', si rilassava e tendeva a scendere verso il basso col risultato che a volte l'urtavo sulle corde, oppure tenevo il plettro molto sporgente. L'impugnatura era caratterizzata dall'allineamento dell'avambraccio con la mano (giuntura 1) e la prima falange (giuntura 2) mentre solo le ultime due falangi dell'indice (giunture 3 e 4) erano piegate.

La nuova posizione prevede tutte e tre le falangi dell'indice piegate (come se tenessi il pugno chiuso) con il risultato che, per poter plettrare, anche la mano non è più allineata con l'avambraccio (giuntura 1) ma è puntata verso la chitarra (leggermente!).

Durante la lezione mi sono lamentato dicendo che non mi sarei mai abituato a questo nuovo modo di tenere il plettro ma poi a casa, con calma, ho usato la nuova impugnatura per tutta l'esercitazione quotidiana e non ho avuto problemi! Solo un po' impacciato nelle melodie ma nemmeno troppo...

Infine il maestro, dopo avermi rispiegato un po' di teoria sulle tonalità (*2), mi ha dato come esercizio quello di individuare in quale tonalità è The Hellion dei Judas Priest...

Nota (*1): rispetto allo spartito originale ho aggiunto una battuta introduttiva di silenzio! Quindi in realtà sarebbe dalla 1 alla 18 e analogamente per gli altri intervalli...

Nota (*2): in verità l'avevo studiata per conto mio ma anche lui mi aveva già dato dei cenni e ora non saprei più dire chi mi ha insegnato cosa!

Nessun commento:

Posta un commento