«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

martedì 27 novembre 2012

Lezione XLIV: assolo difficile...

Per vari intoppi questa lezione è stata rimandata più del solito ma, finalmente, oggi l'abbiamo fatta!
Oltretutto mi sono esercitato poco: soprattutto per colpa dei tre/quattro giorni che ho passato fuori casa, senza il supporto del computer, ho perso il ritmo dello studio...

Riscaldamento: praticamente uguale. Su mia proposta si è aggiunto il vecchio esercizio di palm muting perché ho notato che mi fa scaldare molto la mano destra!

Pattern: sempre i soliti 15 giri. Sono arrivato a 70 bpm (obiettivo 80).

Aces High: continuo ad esercitarmi aumentando la velocità. Adesso sono a 143 bpm ma credo di dover arrivare almeno sui 180...
Su indicazione del maestro ho imparato anche l'introduzione: in pratica è la stessa battuta ripetuta 18 volte con solo delle variazioni alla prima e all'ultima battuta. L'inizio è particolarmente fastidioso perché quella battuta è di 2/2 (invece che 4/4 come le altre) e la chitarra attacca a suonare sfalsata di ⅛: il maestro mi ha suggerito di aggiungere una battuta extra vuota in maniera di riuscire a suonare a tempo...

What's Up: qui non mi era riuscito fare progressi! Nelle scorse lezioni non avevamo mai approfondito cosa dovevo fare con questo brano e la spiegazione della scorsa lezione “devi suonarci sopra” si è rivelata insufficiente. Infatti, anche rallentando il brano del 30%, la chitarra originale mi confondeva e non mi riusciva assolutamente tenere il ritmo. Il motivo è che nel brano originale la chitarra non suona gli accordi usando il ritmo wall ma qualcosa di simile ma più complesso che aveva l'effetto di confondermi completamente.
La soluzione del maestro è quella di iniziare a suonare il brano su Tuxguitar togliendo (o almeno riducendo fortemente) la chitarra originale.
Sono fiducioso: credo che con un po' di esercizio non avrò problemi a passare al brano originale...

Knocking On Heaven's Door: come scrissi in Lezione XLIII la parte iniziale è composta da accordi piuttosto semplici. Ho la difficoltà extra di aver da cambiare il volume della chitarra ma dovendolo fare dopo accordi di 4/4 non è troppo problematico. Inizialmente lo strumento che simula la voce del cantante mi confondeva perché era sfalsata rispetto alla chitarra ma ho risolto semplicemente prestando maggior attenzione alla batteria...
La seconda parte è invece un assolo complicatissimo! Per prima cosa ho dovuto ridurre i bpm da 64 a 40 (ma anche così arranco abbastanza!) ma le difficoltà non sono scomparse...
Questa è la scansione dell'assolo con le osservazioni/suggerimenti del maestro:

Battuta 27: le plettrate sono tutte verso il basso. Dopo il primo bending il maestro mi ha suggerito di inserirci un pull off anche se non indicato dallo spartito...

Battuta 28: qui avevo il problema di indovinare quando fare la plettrata sul tasto 14: infatti i bpm bassi e la mancanza di riferimenti nella base musicale non aiutano. Il maestro mi ha suggerito di abituarmi ad ascoltare in ciclo questo assolo di chitarra in maniera da memorizzare inconsciamente le durate delle note, meglio ancora se le canticchio: proverò!
Inoltre la sequenza di note a cavallo fra questa battuta e la successiva è molto difficile: la battuta si chiude con due sedicesimi sul 14° e 12° tasto e poi si dovrebbe "schizzare" sul 17° inserendo un'acciaccatura (una specie di hammer on) sul 15° tasto...
Di mia iniziativa avevo eliminato l'acciaccatura ma comunque non ero abbastanza veloce: oltretutto i salti di corda non aiutavano.
Il maestro mi ha indicato la direzione delle plettrate per inciampare meno sulle corde (su, giù e su) poi mi ha detto di usare il medio per il 14° tasto e l'indice per il 12°: in questa maniera ho l'anulare pronto sul 15° dove andrò ad effettuare un bending, aiutandomi anche con le altre dita, di due semitoni (per simulare il 17° tasto) andata e ritorno (per simulare il 15° tasto). In pratica con questo bending elimino l'acciaccatura e le due note successive...

Battuta 29: vedi battuta precedente! Inoltre qui avevo anche un altro problema: il bending sul 13° tasto mi sembrava molto stonato. Il maestro mi ha insegnato un trucco per capire di quanti toni deve essere il bending: devo vedere sulla tablatura se ci sono altre note sulla stessa corda di un semitono o due maggiori di quella col bending. In questo caso si vede subito che non ci sono note sul 14° tasto mentre invece ci sono sul 15°: questo significa che il bending devo farlo di due semitoni anziché di uno...

Per le altre battute non ho avuto indicazioni particolari se non quella generale di plettrare verso il basso dopo una pausa...

Boo... speriamo bene: continua a sembrarmi molto difficile...

Nessun commento:

Posta un commento