«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

sabato 18 ottobre 2014

Una cronistoria...

Nel pezzo odierno mi sono “divertito” a ripercorrere l'evoluzione dei miei dubbi sul M5S.
Qualche conoscente, che evidentemente non mi conosce bene, ha infatti fra il serio e il faceto ipotizzato che Grillo & C. mi abbiano fatto il lavaggio del cervello. Sfortunatamente però il mio cervellino è sempre acceso e, a mio modesto parere, le mie critiche sono molto più profonde e circostanziate della spazzatura che compare su bidoni, pardon, su siti come Repubblica.it o Corriere.it...
Ovviamente ho scritto anche altri pezzi sul M5S (basta usare il marcatore “M5S” per elencarli tutti) ma oggi mi sono concentrato, tranne qualche eccezione che mi sembrava significativa, sulle critiche.

Allora il primo pezzo, sebbene superato nei contenuti, è:
Incongruenza nel M5S
Si tratta di un articolo pubblicato il primo marzo del 2013 a poche settimane quindi dalle elezioni nazionali. L'argomento è il ruolo di Grillo che, invece di defilarsi, come più volto ripetuto in campagna elettorale, prende l'iniziativa. Lo giustifico dicendo che i parlamentari sono tutti nuovi e hanno bisogno di un minimo di tempo per organizzarsi fra loro...

Sconfitta e delusione politica
Sempre del marzo 2013, si riferisce a una delle prime schermaglie che, a mio avviso, vedono perdente il M5S a causa di troppa ingenuità politica. Importante è solo un passaggio dove intuisco la scarsa comunicazione fra parlamentari e “staff” (inteso qui e nel seguito come il duo Grillo-Casaleggio e le persone a loro più vicine che scrivono i pezzi sul blog di Grillo). Su questa scarsa comunicazione tornerò in futuro...

Situazione Roma
Un grosso errore che, se al governo ci fosse stato un Andreotti, sarebbe stato subito sfruttato per causare un incidente e mettere nei guai il M5S, forse addirittura segnando la sua fine prematura...

Riflessione post elettorale
Analizzo il perché della sconfitta alle comunali di fine maggio 2013. Fondamentalmente: voto alle politiche gonfiato dalla protesta, media contro invece che indifferenti come prima delle politiche, scelte politiche dubbie del M5S che avevano alienato parte dei suoi sostenitori sia di tendenza di sinistra che di destra.

Destino del M5S
Ecco, questo pezzo del giugno del 2013, è il primo che consiglio di leggere. In particolare importante il punto 3 (sugli errori politici) e la conclusione "Da ora in poi occorrerà maggior acume politico: non basterà fare la scelta giusta ma bisognerà fare in modo che tutti, compresi gli ingenui, la capiscano". Ovviamente questo acume politico non c'è stato...

Riflessione politica
Articolo ad ampio raggio sulla politica italiana dell'agosto 2013. Sul M5S è importante solo la parte finale dove evidenzio un nuovo errore: alle politiche uno degli slogan era stato "né di destra né di sinistra" ma i vari parlamentari avevano sparato a zero su Berlusconi perdendo consensi a destra.

L'errore della buona politica
Questo articolo (settembre 2013) è interessante perché inizio a maturare la consapevolezza che il M5S dovrebbe essere più cinico: meno buona politica (proposte, idee, serietà) che tanto non arrivano ai cittadini e più populismo su questioni semplici e comprensibili anche dalla gente comune tipo una manifestazione contro gli F-35...

Successi del M5S
Novembre 2013: una nota positiva. Prendo atto che alcuni principi e idee del M5S, nonostante questo continui a essere boicottato dai media, iniziano a essere accettati come condivisibili e giusti.

Il mio V-Day
Questo pezzo non dovrebbe essere elencato in questa raccolta: non è infatti di critica ma evidenzia invece la novità che sfugge ai più, compresi gli attivisti del M5S e forse anche a Grillo e Casaleggio, ovvero la rilevanza storica e mondiale di quella che io definisco una nuova ideologia. Ovviamente sto parlando di semi che germoglieranno fra una trentina d'anni quindi le mie affermazioni possono sembrare fantascienza!

Grillo alla nazione
Gennaio 2014: critico il discorso di Grillo giudicandolo nel complesso modesto, più orientato al passato che al futuro. Ritorno sulla novità mondiale del M5S su cui, secondo me, si sarebbe dovuto puntare.

Grillo vs Renzi
Febbraio 2014: l'incontro fra Renzi e Grillo è lo spunto per evidenziare i limiti di cosa sia definibile con la democrazia diretta: in particolare l'impossibilità di definire tramite semplici sì/no una strategia politica.

Grillo vs Renzi 3
Sempre a febbraio il terzo articolo sul confronto Renzi-Grillo. Qui evidenzio quelli che secondo me sono stati gli errori fatti da Grillo (nella puntata intermedia, non presente nell'elenco, invece ne sottolineavo i pregi...).

Grana Pentastellata
Marzo 2014. In quei giorni ero stato a una riunione con dei parlamentari del M5S che, parlando senza peli sulla lingua, mi avevano fornito informazioni che mi mancavano. La vera e propria "epifania" avverrà comunque qualche settimana dopo. In questo pezzo evidenzio tre grossi problemi delle votazioni in linea del M5S.

Grana Pentastellata 2
Questo è un altro pezzo fondamentale da leggere. Evidenzio i limiti della struttura attuale del M5S e i problemi che porta...

Cartellini rossi
Sempre marzo 2014. Forte critica all'espulsione dei parlamentari del M5S: non tanto nella sostanza quanto nella forma che sembra essere volutamente autolesionistica per farci bersagliare dai media...

Puzzle a 5 stelle
Ancora marzo 2014. Si tratta della rivelazione a cui accennavo prima: più che una critica vera e propria è la spiegazione di varie anomalie che finalmente riesco a inquadrare in una loro logica. In particolare spiego che, in questa fase, è Grillo stesso a non volere la democrazia diretta!

Cavalleria e carrarmati
Pezzo scritto a inizio maggio. Riassumo i limiti del M5S e sono pessimista per le europee.

Da Brescia
Pezzo del 12 maggio. Ancora pessimistico sul risultato delle europee. Interessante analisi sul cambio di "cavallo" Letta/Renzi.

Da Torino
Nel corto "Da Torino" metto in evidenza una "equazione" politica che abbiamo pagata cara dopo le elezioni e che io mi sarei ben guardato dal suggerire! Si tratta di «trovo rischioso affermare l'equazione “vittoria M5S = richiesta nuove elezioni” perché varrebbe anche la sua duale, ovvero “sconfitta M5S = governo Renzi legittimato”...»

Altro dubbio
Nel corto "Altro dubbio" del 18 maggio sono ancora pessimista sul risultato delle elezioni...

Quantità e qualità
Pezzo del 22 maggio improvvisamente ottimista! La "colpa" è di un sondaggio "segreto" (fatto da un istituto che di solito "ci prende") che ci aveva passato un parlamentare. In tale sondaggio il M5S era a ridosso del PD e questo mi aveva portato a rivedere tutte le mie stime sotto una luce nuova. A questo aggiungerei il forte desiderio inconscio di illudermi...

Riflessioni sparse a caldo e a casaccio
Riflessioni a caldo sulla sconfitta alle europee.

Lo zoccolo ignavo
Altra riflessione abbastanza a caldo sulla sconfitta.

Riflessioni a tiepido
Inizio giugno 2014. Riflessione a freddo sulla sconfitta. Da leggere: riassumo gli aspetti già elencati nei due precedenti articoli.

Chi rema contro
Giungo 2014. Evidenzio il problema dei "vertici" del movimento che a volte, per stupidità o invidia, finiscono per danneggiare tutto il movimento.

Il consigliere viene al pettine
Giugno 2014. Partendo da un caso locale evidenzio un'altra incongruenza del M5S che, se non risolta, potrà in seguito avere effetti deleteri...

La fine della democrazia
Fine giugno. Nella parte intermedia un lungo inciso sulla necessità del M5S di ristrutturarsi.

L'amara attesa
Fine luglio: la svolta. Inizio ad avere dubbi sulla buona fede dello “Staff”. Mi cito: «Io inizio a prendere in considerazione l'idea che anche il M5S non sia dalla parte dei cittadini ma sia solo funzionale a incanalare il loro dissenso.»

Ma il M5S dov'è?
A metà agosto i dubbi diventano più specifici: in particolare nutro dubbi sulla “Casaleggio Unlimited”...

Spigolando le notizie
A fine agosto conio la locuzione “opposizione virtuale” per indicare l'opposizione del M5S. Ci si limita ad articoli sul viario di Grillo, a meme su FB e a inutili proteste in parlamento. A quando manifestazioni di piazza?

L'opposizione virtuale
Inizio settembre. Approfondisco i limiti dell'opposizione virtuale e di nuovo rilancio i miei dubbi sui reali scopi e motivazioni dei “vertici”.

Politica ondivaga
Forte critica alla scelta schizofrenica del M5S di partecipare alle CM ma non alle Province...

Speranza e attesa
Inizio ottobre: cosa spero e cosa mi attendo dalla manifestazione di Roma.

Delusione annunciata
12 ottobre. Nel corto “Delusione annunciata”, scritto dopo aver ascoltato in diretta il discorso di Grillo, spiego che mi sembra di aver fatto un tuffo nel passato allo tsunami tour....

Oggi ho poi maturato delle nuove conclusioni che pubblicherò nei prossimi giorni...

Riassumendo, a chi vuole leggere solo pochi pezzi, consiglio:
Destino del M5S
Grana Pentastellata
Grana Pentastellata 2
Riflessioni a tiepido
Ma il M5S dov'è
L'opposizione virtuale

Nessun commento:

Posta un commento