«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

giovedì 25 ottobre 2012

Monti 22: feedback!

Ho ricevuto un feedback su Monti!
Beh, non proprio un feedback quanto, in verità, un P.S. in un'email su tutt'altro argomento: ma a me la vignetta “Feedback” piace molto e quindi ne approfitto per usarla!

Cito: «È arrivato dove attualmente sta, in modo democratico e trasparente, incaricato da chi è pagato per governarci con l'esplicito compito di fare quel che sta (a gran fatica) facendo. Sono gli italiani stessi che lo hanno voluto! Come prima hanno voluto Berlusconi!»

Come ho già scritto nei miei post io la penso al contrario ma, forse, non ho spiegato bene il mio punto di vista al riguardo. Ci riprovo.

Primo punto. Gli italiani alle ultime elezioni hanno votato chi per la destra e chi per la sinistra. La destra ha vinto ed era democraticamente (*1) legittimata a governare. Poi il governo Berlusconi è caduto ma, invece di procedere a nuove elezioni, è stato messo al potere l'attuale governo di tecnici.
Come ho già scritto (v. Professorone) ritengo che questo governo sia legale, cioè la costituzioni e tutte le leggi del caso sono state rispettate, ma non politicamente legittimo. Gli italiani, con il loro voto, hanno legittimato i parlamentari eletti a governare in propria vece ma mi risulta difficile pensare che questi ultimi siano a loro volta moralmente autorizzati a delegare ulteriormente il potere a dei signori “tecnici” sconosciuti. Cioè, legalmente non ci sono problemi: se è per questo i deputati possono cambiare casacca il giorno dopo essere stati eletti facendo maramao a chi li ha votati, ma moralmente non mi pare giusto.
Per come la vedo io la democrazia è: il popolo elegge alcune persone per governare e queste devono farlo senza affidarsi a sconosciuti (Monti e i suoi tecnici/banchieri).

Secondo punto. Quale sia il mandato di Monti non mi è chiaro. A me pare che stia combinando un disastro dopo l'altro. L'economia agonizzava e lui gli ha dato il colpo di grazia. Ha tassato oltre l'inverosimile gli italiani, la maggioranza più povera povera ovviamente, non ha toccato i grandi sprechi (della politica e non) e ha protetto a spada tratta i pochi ricchi, le banche e gli interessi dei grandi gruppi internazionali. La sua opera di risanamento è puramente illusoria: grazie alle misure demenziali che ha preso l'economia è involuta e il PIL si è contratto, se non erro, di oltre il 3%. Come ho spiegato altrove questo fatto da solo comporterà un nuovo buco di “n” miliardi. Lo spread? Lo spread è calato sostanzialmente SOLO grazie agli interventi della BCE: tale problema non è stato risolto ma solo rimandato. Potrei continuare ancora a lungo ad elencare gli errori/orrori di Monti ma credo di aver reso l'idea...

Terzo punto. Che siano gli italiani stessi ad aver voluto Monti mi pare un'affermazione eccessiva. Forse una parte di chi pensava che Berlusconi fosse il demonio (o che, più prosaicamente, sue fossero tutte le colpe del dissesto economico italiano) e che chiunque sarebbe stato meglio di lui, sul momento, è stata felice dell'arrivo di Monti. Ma dopo quest'anno di agonia credo che la maggior parte di questi sostenitori iniziali si sia ricreduta: Berlusconi è sempre il diavolo ma Monti è poco meglio.
Per inciso a me piacerebbe che Monti si presentasse alle prossime elezioni con un suo partito in maniera che, chi è contento del suo lavoro, possa votarlo. Da parte mia temo invece che sarà il candidato unico di questa nostra “democrazia”: vota il partito che vuoi ma poi si manderà a governare comunque Monti...

Nota (*1): sull'argomento della legittimità della democrazia ritornerò presto con un intervento a parte: per il momento rimando ai miei post col marcatore “Democrazia”...

Nessun commento:

Posta un commento