«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

domenica 17 luglio 2016

La democrazia in Europa

Sulla BREXIT ho scritto un paio di pezzi: fondamentalmente spiegavo che la ragione ultima dell'uscita dell'UK era riconducibile alla mancanza di vera democrazia nelle istituzioni europee.
La conseguenza è che i cittadini quando valutano l'Europa considerano cosa hanno ottenuto (libera circolazione ed euro) e poi si guardano in tasca. Certo a incidere su questa valutazione c'è poi la pressione dei media che, come fossero dischi rotti, non fanno altro che ripetere quanto sia bella l'UE. In pratica però solo i tedeschi possono dirsi soddisfatti, mentre specialmente per gli stati dell'Europa del sud è stato un bagno di sangue. In realtà, dopo il promettente inizio, negli ultimi 20 anni si è costruita un'Europa non dei popoli ma delle banche.
Comunque, per maggiori informazioni, rimando a Pentito e Vittoria democratica insidiata.

Goofynomics sulla democrazia in Europa - 17/7/2016
Qual è la ragione del precedente corto?
Il motivo è che ho letto il seguente articolo su Goofynomics e volevo dare ai miei lettori la possibilità di un rapido raffronto...
L'articolo (nonostante il titolo!) è: La deforma costituzionale. Si tratta della risposta alla domanda di un lettore che mette in evidenza un certo parallelismo fra l'assetto delle istituzioni europee e la riforma pensata da Renzi per l'Italia: “...un deficit di democrazia di dimensioni siderali.

Non ci credo... - 19/7/2016
Ho passato tutti gli europei a ridere della valutazione fatta dalla Juventus per Pogba di oltre 100 milioni (v. anche Idiosincrasie calcistiche) eppure, almeno secondo i giornalisti, un'offerta dal oltre 100 milioni sarà fatta prossimamente da una squadra inglese...
Vediamo di elencarne pregi e difetti:
Pregi
- Tiro da fuori: trova spesso la porta.
- Passaggio smarcante: riesce a fare dei lunghi lanci spesso anche molto precisi
- Controllo palla: grazie alla sua forza è in grado di proteggere efficacemente la palla.
- Interdizione: sempre grazie alla sua forza è difficile da saltare e spesso recupera palloni importanti.
Difetti
- Carattere: quando la partita va male tende a sparire; talvolta diviene troppo nervoso.
- Lento: non corre ma passeggia per il campo, ad ampie falcate, spesso smoccolando e scuotendo la testa...

Insomma, sicuramente un forte centrocampista e, anche data l'età, un grande potenziale. Eppure ha anche almeno un grosso difetto: magari Pogba è considerato un diamante da tonnellate di carati, ma il valore di un diamante, se ha un difetto, crolla...

Confessioni o Etica? - 29/7/2016
Finito il Novellino ho voluto scegliere un nuovo libro per il bagno: sarei ancora pieno di riviste di storia ma prima devo rimettermi in pari con i relativi pezzi...
Così mi sono portato in bagno sia Le confessioni di Sant'Agostino che L'etica nicomachea di Aristotele e ho letto qualcosa aprendo i libri a casaccio.

Le confessioni hanno il pregio di avere capitoli molto corti (e quindi adatti a essere letti in bagno!) ma è tutto un “Dio qui/Dio là” che non mi entusiasmava troppo.
L'etica nicomachea è invece scritta (*1) in un italiano più difficile e i capitoli sono un po' più lunghi però gli argomenti trattati sembrano decisamente interessanti!

Alla fine mi sono così deciso per l'Etica nicomachea ma forse presto cambierò (vedi poi)...

Nota (*1): La traduzione ovviamente. Anche in questo caso (v. Tuffo nel passato) c'è il testo originale al fianco: temo che questo condizioni i traduttori a sacrificare la chiarezza a favore di una maggiore aderenza formale all'originale...

Verso la “Politica”? - 29/7/2016
In questi giorni sto cercando di leggere l'Etica nicomachea di Aristotele.
Infatti la lettura è molto faticosa perché, almeno nella parte iniziale, si richiama spesso a Platone (dando per scontato che si conosca la sua filosofia) e quindi c'è la difficoltà aggiuntiva di dover ricostruire delle teorie basandosi su obiezioni o commenti a esse. Le note sono numerose e ampie ma sono rivolte a esperti di filosofia e quindi usano definizioni e parole che non sempre facilitano la comprensione...

Sono quindi tentato di tagliare la testa al toro e di passare a leggere la “Politica” di Platone (il testo più spesso citato nelle note): non sarebbe un problema perché anche tale libro faceva parte della collezione di mio zio!

Nessun commento:

Posta un commento