«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

domenica 25 dicembre 2011

Racconto natalizio

Come al solito ero impegnato in tutt'altro quando ho trovato quattro paginette spillate insieme e scritte in un insolito inchiostro verde.
Questi fogli sono scritti di mio pugno e raccontano una buffa vicenda capitatami oramai otto anni fa.

Visto che oggi è Natale, che la storia ebbe luogo proprio in questo stesso periodo, che è divertente perché mette in luce la mia capacità di creare scompiglio e che, per di più, il suo finale è sommamente edificante ho deciso di ricopiare qui di seguito queste paginette. Ah, dimenticavo: al tempo della seguente storia vivevo e lavoravo in Olanda a Leiden...

Nota “editoriale”: ho aggiunto fra parentesi graffe delle note che spiegano alcuni dettagli altrimenti poco chiari (il manoscritto ritrovato era inteso a mio personale memento e non per estranei...)

19-Novembre-2003:
Ordine su Amazon America (Java Examples, GURPS Uplift, GURPS Planet & Adventures, GURPS Starship, GURPS Humaniti e GURPS Weird War II) {GURPS è un gioco di ruolo e i vari titoli elencati sono delle sue espansioni. Colgo l'occasione per segnalare che probabilmente avevo la collezione di GURPS (vedi prima foto in Libri di casa) più vasta in Italia...}

21-Novembre:
Cancello ordine su Amazon America {Semplicemente perché non mi ero reso conto di aver fatto l'ordine negli USA!}
Nuovo ordine su Amazon UK con stessi libri {Con costo e tempi di spedizione minori}.
Nuovo ordine (Winning chess strategies, Winning chess tactics).
Combino i due ordini insieme.

3-Dicembre:
La mia spedizione è partita {Evidentemente alcuni libri (probabilmente i GURPS) non erano immediatamente disponibili}

Sabato 6-Dicembre:
Il corriere olandese lascia biglietto in cui dice che ripasserà lunedì pomeriggio {arrivato da UK in soli 3 giorni!}

Lunedì 8-Dicembre:
Il corriere olandese lascia biglietto in cui dice che ripasserà martedì sera fra le 18:00 e le 21:00

Martedì 9-Dicembre:
Aspetto tutta la sera, dalle 17:55 in poi, ma non si vede nessuno. Nessun biglietto nella buca delle lettere.

Mercoledì 10-Dicembre:
In mattinata telefono al corriere olandese che mi dice che il pacco lo hanno loro e che se voglio posso passare a ritirarlo.
Richiamo il corriere perché non riesco a trovare il loro indirizzo su internet.
All'ora di pranzo vado con Filipe {mio amico portoghese di macchina munito. Vedi anche: Matrimonio russo-portoghese-olandese e Mentalità sportiva olandese} a cercare il magazzino: il problema è che la strada ha doppia numerazione e così arrivato all'indirizzo indicato c'è una tipica casina olandese. Vado a suonare {mentre Filipe mi aspetta prudentemente in auto} e mi apre una massaia olandese con barboncino inferocito: gli mostro il biglietto del corriere e lei in OLANDESE mi spiega dove andare {all'epoca avevo sviluppato, se non una propria comprensione, almeno una certa affinità con tale lingua...}. In pratica la strada ha doppia numerazione!
Si torna indietro e, dalla strada principale si entra in un dedalo di stradine con magazzini, carrozzerie e altri edifici di ordinario squallore.
Il più fatiscente di questi è il magazzino del corriere!
Evitando la confusione dei vari pacchi e pacchetti {accatasti in traballanti mucchi da tutte le parti...} raggiungo l'ufficio del manager.
Dopo avergli riepilogato chi sono {come scritto ci avevo già parlato un paio di volte} si mette a spulciare i dati sul computer.
L'operazione prende però più tempo del previsto e l'ometto inizia a smoccolare in olandese (o così almeno mi pare a giudicare dal tono!).
Dopo un po' mi fa cenno di seguirlo: iniziamo a frugare a casaccio nel magazzino. Ritorniamo nel suo ufficio dove inizia a controllare la documentazione cartacea: in effetti risulta che il giorno prima il corriere era passato ma non aveva consegnato il pacco che, quindi, si deve trovare nel magazzino.
Ritorniamo a frugare nel magazzino: ancora niente. Messo alle strette mi dice che lui cercherà ancora e di richiamarlo alle 17:00.
Alle 16:30 lo richiamo. Lui mi dice che è molto, molto dispiaciuto ma che probabilmente il pacco è stato erroneamente rispedito indietro e che non ci può fare più nulla! {come da noi, avrebbero dovuto tenerlo in magazzino per almeno 5 giorni lavorativi}
Scrivo ad Amazon spiegandogli la situazione, ovvero che il pacco era arrivato ma il corriere lo ha rimandato indietro dopo soli due giorni.
Tornato a casa trovo il famigerato biglietto del corriere con data del giorno prima: mistero!!

Giovedì 11-Dicembre:
Arrivato in ufficio trovo la risposta di Amazon: in pratica non hanno capito nulla! Mi dicono di aspettare fino al 20 dicembre e, se non arriva nulla, di ricontattarli.
Gli rispondo precisando che è inutile che aspetti fino al 20 perché il pacco è stato rispedito indietro o perso.
Ritelefono al corriere olandese per sapere se il pacco fosse saltato fuori ma non è così: mi viene dato il numero del loro customer service.
Telefono al customer service. Dopo essere stato rimpallato da diversi operatori mi viene detto che secondo il loro computer il corriere dovrebbe fare oggi l'ultimo tentativo di consegna. Alle mie proteste mi dice di attendere e contatta il magazzino; dopo qualche minuto mi richiama e mi dice che in effetti il pacco è stato rispedito alla Royal Mail in Den Haag.
Chiamo la Royal Mail: mi dicono che se il pacco gli è stato rimandato il giorno prima ormai è già in volo per l'UK... {mica siamo in Italia!}.
Riscrivo una seconda email ad Amazon per sollecitarli ad agire e spiegandogli che io avevo fatto tutto quello che potevo fare...

Venerdì 12-Dicembre:
Ricevo la risposta di Amazon: si scusano per il problema e mi comunicano che un nuovo pacco è già in preparazione per essermi rispedito senza alcuna spesa a mio carico.
Verso mezzogiorno controllo lo status del nuovo ordine e scopro che uno dei libri non è più disponibile e che quindi dovrò attendere fino alla fine di gennaio...
Provo a spippolare sul loro sito per vedere se e quanto mi verrebbe a costare se divido l'ordine in due spedizioni.
Sfortunatamente non è possibile selezionare i vari oggetti e mi vengono proposte automaticamente quattro spedizioni separate (!) di cui tre a mio carico.
Riprovo a rimettere gli articoli insieme ma non mi va più via il costo per la spedizione di 11 sterline...
Mando una nuova email ad Amazon chiedendogli di ripristinare la situazione originale.

Lunedì 15 Dicembre:
Ricevo la risposta di Amazon: la situazione di venerdì mattina è stata ripristinata.
Controllo immediatamente lo status del mio ordine e scopro che adesso anche uno dei GURPS non è più disponibile e la data prevista per la spedizione del pacco è il dicembre 2004!! {l'anno successivo!}
Riscrivo ad Amazon chiedendogli, con diverse opzioni, la consegna in più spedizioni o il rimborso di alcuni libri indicandogli 3 o 4 combinazioni possibili {forse qui pretendevo troppo!} e il mio grado di preferenza per ognuna di esse. Aggiungo anche una lacrimosa storia sui regali di Natale che contavo di fare con i vari libri.

Martedì 16-Dicembre
Amazon mi risponde che sono incerti su quello che io preferisco fare e che solo due libri potrebbero arrivarmi entro Natale.
A questo punto riscrivo ad Amazon per chiedergli di rimborsarmi tutti i libri tranne i due che potrebbero arrivare entro Natale (Java examples e Winning chess strategy).
Tornato a casa scopro ad aspettarmi sulle scale il pacco di Amazon!!! L'involucro è piuttosto ammaccato ma i libri sono intatti!! {Ovviamente si tratta del pacco originale che deve avere avuto la sua bella avventura!}

Mercoledì 17-Dicembre
Seguendo le istruzioni standard di Amazon per i casi in cui il pacco originale arriva prima di quello sostitutivo, cancello tutti gli articoli da quest'ultimo.
Mando un paio (a indirizzi diversi) di email spiegandogli che ho ricevuto il pacco originale e che quindi non ho più diritto al rimborso e gli auguro buon Natale.
Verso mezzogiorno ricevo una mail di Amazon dove mi dicono che, avendo cancellato personalmente tutti gli articoli dell'ordine sostitutivo, si apprestavano a rimborsarmi sulla carta di credito l'intero importo dell'ordine!
Riscrivo ad Amazon spiegandogli che ormai ho ricevuto il pacco e che non voglio più nulla.
A sera Amazon mi riscrive ringraziandomi di averli contattati tempestivamente, scusandosi per il ritardo e dicendomi che il mio rimborso è stato annullato...

Conclusione: ora sapete come "fregare" Amazon! Auguri di Buon Natale a tutti i miei lettori indefessi e non!

Nessun commento:

Posta un commento