«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

mercoledì 7 dicembre 2011

Lezione 5

Oggi il maestro è arrivato in ritardo causa traffico: siccome aveva una lezione dopo la mia recupereremo la prossima volta...
Nonostante avessimo a disposizione meno tempo abbiamo comunque fatto la solita routine perché siamo andati più veloci!

Mi ha quindi aggiunto e cambiato molti esercizi.
Per prima cosa mi ha insegnato un nuovo esercizio per il riscaldamento: la scala cromatica. Assolutamente noioso: si tratta di suonare i primi quattro tasti di tutte le sei corde con l'eccezione del quarto tasto della terza corda (è il SI che verrebbe poi ripetuto sulla corda libera seguente)...
Soprattutto però ne ha aumentato la lunghezza: da 12 minuti (di media) sono passato a più di 20 minuti... Supernoia!

Poi abbiamo aggiunto due nuove scale: la “caged 2” (con le note dal quarto all'ottavo tasto) e la pentatonica di LA.
Niente di particolare da aggiungere: lo scopo della “caged 2” è sempre quello di imparare l'associazione tasto-corda a nota; la pentatonica, se non ricordo male, dovrebbe essere utile per improvvisare melodie nella tonalità di DO.

Per gli accordi non abbiamo cambiato niente: mi ha solo raccomandato di suonare ogni serie alla stessa velocità (io infatti suonavo da 63 a 69 bpm in base alla serie di accordi) e, di conseguenza, di concentrarmi su quelle dove sono più lento.

Edited: Dimenticavo! Il maestro mi ha anche tolto i seguenti esercizi: l'esercizio delle forme (vedi Anche no) e quello forse impropriamente chiamato accompagnamento (dove in pratica suonavo gli ottavi). Io ho il dubbio che se ne sia dimenticato: non so se ricordarglielo

Negli ultimi 10 minuti abbiamo provato a suonare insieme facendo dal vivo l'esercizio dell'incastro: lui suonava gli accordi e io dovevo suonare una nota dell'accordo stesso andando a tempo. A me è sembrato di andar male ma per lui era tutto ok...

La lezione della lezione è che, evidentemente, il maestro ha delle aspettative molto più basse delle mie su quelle che dovrebbero essere le mie abilità musicali!!

PS: sto intervistando i miei lettori abituali per sapere se questi post sulle lezioni di chitarra interessano o meno. Ovviamente apprezzerò chiunque voglia lasciarmi un commento di feedback al riguardo...

Nessun commento:

Posta un commento