«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

domenica 6 novembre 2016

Lezione XC: la capra canta

Scusate il titolo peggiore del solito: né io né il maestro abbiamo cantato: semplicemente “canta” faceva rima con “novanta”...

Per la lezione mi ero preparato delle piccole domande sui brani che sto studiando: dubbi a livello di battuta, di notazione sullo spartito, di diteggiatura, su accordi “strani” etc...
Pensavo che avremmo finito con largo anticipo ma invece, fra un esempio e l'altro, il tempo è volato senza che me ne accorgessi...

Riscaldamento: mi è veramente venuto a noia ma non c'è stato tempo per cambiarlo.

Accordi +: i vari accordi di settima. Sono un po' migliorato rispetto alla scorsa lezione (da 55bpm a 62) ma credo che a breve i progressi diverranno più vistosi. Come spiegato questo esercizio lo faccio più per riscaldamento che con impegno e attenzione: il risultato sono i progressi lentissimi.

Midnight Madness: Alla scorsa lezione avevamo deciso di togliere questo brano: la velocità reale è totalmente fuori dalla mia portata (sui 180bpm) mentre io, con grande fatica, avevo appeno raggiunto i 120bpm. Però prima di metterlo da parte volevo fare un video che mostrasse la mia mano muoversi sulla chitarra. Siccome sono pigerrimo ancora non mi sono deciso a installare i programmi per la composizione di video...
Il risultato è che ho continuato ad allenarmi su questo brano come se fosse una sorta di riscaldamento e, con mia sorpresa, ho guadagnato altri 2 bpm arrivando a 122!
Dai, in settimana vedo di darmi una mossa e di toglierlo di mezzo...

She is my sin: Come deciso ho studiato nuove battute di questo brano: dalle prime 48 sono passato alle prime 84! Ho incontrato solo un paio di battute un po' più difficili che però, anche se non le ricordavo, le avevo già studiate. La prima mi è riuscita praticamente subito mentre sulla seconda mi è occorso solo qualche giorno in più: non la ricordavo ma sono sicuro che adesso la suono enormemente meglio di X anni fa. Si tratta infatti di un ritmo (che mescola insieme accordi e note singole) piuttosto veloce: anni fa questi passaggi li dovevo studiare per mesi e poi finivo per suonarli un po' a orecchio (ovvero fuori tempo!) mentre adesso sono molto più preciso.

Il problema che ho segnalato al maestro erano delle note strane che si ripetevano per molte battute di fila: il maestro le ha guardate e mi ha subito detto che non avevano senso. Probabilmente un errore di conversione dello spartito da Tuxguitar a GP6 o vice versa...

The final countdown: Come temevo il nuovo spartito era completamente diverso da quello che avevo studiato e, in pratica, l'ho dovuto imparare da capo: anzi, probabilmente, le analogie mi hanno più confuso che aiutato...
Forse adesso potrei iniziare a suonarlo sopra il brano reale ma probabilmente ha più senso imparare qualche ulteriore battuta.
Comunque non è un brano semplicissimo: soprattutto l'ultimo ottavo di molte battute, una nota o un accordo diverso dal precedente e dal seguente, mi dava un po' fastidio. Ora semplicemente conto il tempo muovendo il plettro in su e giù: arrivato a 4, tornando in su, plettro la nota, accordo o corde mute e poi, andando in giù, l'accordo successivo. Quasi facile!

In questo brano avevo segnalato al maestro tanti piccoli dubbi: un accordo che mi sembrava strano era semplicemente un PC rivolto, il pickscrape è semplicemente uno slide fatto col plettro invece che col dito, delle battute che speravo mi potesse semplificare dovrò invece studiarle così come sono perché altrimenti si perde il loro ritmo...

Hard Rock Halleluja: questo brano è il più difficile che sto studiando. Ora sto imparando delle battute in cui alcune note sono in palm muting mentre altre no: ovviamente non c'è tempo per alzare e riabbassare continuamente la mano destra. Devo quindi trovare una delicata posizione di equilibrio con la mano destra in maniera che sfiori solo le ultime due corde lasciando libere tutte quelle dalla 4° in giù: anzi, con una leggera rotazione del polso devo essere in grado di stoppare o meno la 5° corda. In più la melodia non è semplice e il ritmo è veloce.

Sopra il vibrato di una nota c'era l'indicazione “S.H.”: questa sta per synthetic harmonic e, ovviamente, dovrei eseguirne una! Io però ho ancora problemi con le armoniche naturali e quindi non ci provo neppure a suonare questa. Comunque la nota che suono è un SI e l'armonica sintetica che dovrei ottenere è di nuovo un SI ma di un'ottava più alto (il simbolo dell'armonica sintetica viene infatti posto sulla nota che si dovrebbe ottenere) e quindi il suono che ottengo non dà fastidio.
Per la cronaca per ottenere l'armonica sintetica dovrei appena premere il SI sul secondo tasto e poi andare a plettrare esattamente a 24 tasti (*1) di distanza da esso: sbagliando anche di poco il punto di plettrata otterrei armoniche sintetiche diverse...

Star Wars: si tratta di un vecchio brano che avevo iniziato a studiare per conto mio il primo anno. Con grande fatica ne avevo imparato circa metà suonandolo a bassa velocità. Non era banalissimo perché i cambi di corda sono spesso in direzione inversa a quella di plettrata: ad esempio, suono una nota sulla 3° corda plettrando verso il basso e la successiva è sulla 2° da suonarsi plettrando verso l'alto. Insomma niente di trascendentale ma un principiante “incespica” facilmente in questa situazione.
Stavolta però non ho avuto problemi a imparare rapidamente l'intero brano alla velocità reale.

Avevo dei dubbi sulle tre battute finali dove invece della melodia c'è un accordo che mi pareva strano e difficile da eseguire. Il maestro me lo ha semplicemente tolto perché dice che se suono per tutto il brano una melodia allora musicalmente è un po' brutto concludere con un accordo (che comunque è suonato dalle tracce supplementari) e mi ha lasciato al suo posto solo delle singole note.

Desert Queen: siamo andati avanti: il maestro mi ha aggiunto altre 8 battute allo spartito. Comunque è impressionante la facilità con cui riesce a trascrivere le note ascoltando il brano originale. Questa volta l'avrà ascoltato al massimo due volte (ma già dopo il primo ascolto aveva un'idea già chiara della struttura del pezzo) e poi mi ha ricostruito tutti i vari accordi.
Rispetto alla scorsa lezione dovrebbe essere facile imparare le nuove battute perché sono accordi piuttosto facili. Questo significa che probabilmente potrò fissare la prossima lezione a fine novembre.

Conclusione: una lezione piuttosto discorsiva di cui è difficile riassumerne i vari dettagli... Comunque mi sembra di aver fatto improvvisamente un grosso miglioramento come se a un tratto avessi a disposizione nuove capacità mentali: contemporaneamente sono però incorso in un crollo della mia abilità matematica (non ho ancora abbandonato il corso di statistica ma adesso sto dando la priorità alla mia epitome) e anche dai grafici di Anki risulta evidente un certo peggioramento nella memoria (mentre invece memorizzo più facilmente brani musicali!). Nel complesso ho guadagnato 1 in chitarra e perso 2 in matematica e memoria generica: come al solito credo di essere stato fregato!

Nota (*1): non mi torna molto questo numero: forse ho capito male io! Probabilmente devo calcolare a occhio il segmento di corda corrispondente a 24 tasti e poi plettrare esattamente in mezzo ad esso... Ecco, così avrebbe più senso: se me lo ricordo chiederò un chiarimento al maestro...

Nessun commento:

Posta un commento