«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

mercoledì 14 dicembre 2016

Cabala: 7:L7

Fra i vari significati di “cabala” ce n'è uno che indica degli speciali libri dove è possibile trovare l'equivalente numerico (per il gioco del lotto) dei sogni. La “cabala” del titolo odierno equivale quindi a sogni e numeri.

Il sogno...
Ero in una casa sconosciuta (i colori predominanti erano il grigio e il nero) al cui interno è presente un frigorifero strapieno di cibo. Ci sono anche tanti pezzi di carne cruda conservati ciascuno in un piattino. Nel sogno mi ricordavo che avevano diversi scopi e funzioni [ma ora non più]. Due di questi pezzi di carne si toccavano ma non avrebbero dovuto: uno dei due era infatti “contaminato” e aveva avvelenato anche l'altro.
Il “cacciatore” che era con me allora prende la carne “avvelenata” e, con un coltello affilatissimo, taglia via tutta la superficie di contatto.
Fatto questo [non ricordo più quale collegamento ci fosse con la carne] decidiamo di fare una missione di soccorso per aiutare una spedizione che era andata a caccia di un lupo mannaro [Sììììì!].
La nostra spedizione lascia però parecchio a desiderare: siamo solo in tre! Io, il cacciatore e una donna, forse mia mamma... Ma soprattutto siamo armati molto male: io ho solo un coltello di ceramica dalla lama affilatissima e dall'impugnatura verdolina brillante [un coltello da cucina che effettivamente ho], ma anche i miei compagni non sono messi troppo meglio di me.
Durante il tragitto parlo col cacciatore che mi racconta del lupo mannaro e di quanto sia astuto e malvagio [non ricordo i dettagli]. A un certo punto incontriamo un carro con un cumulo di cadaveri: vedo anche un coltello di ceramica simile al mio, ma più grande, che però ha la lama spezzata. Il particolare mi turba ma sul momento non ci penso più.
Arriviamo in una brughiera molto desolata: c'è solo un lontano boschetto alla nostra destra mentre tutto intorno ci sono dei fitti cespugli. Parlando ci eravamo distratti ma adesso mi rendo conto che siamo nel luogo ideale per un agguato: il lupo mannaro si potrebbe nascondere facilmente dietro a uno qualsiasi di questi cespugli. La donna intanto se ne sta andando per i fatti suoi verso il lontano boschetto ed è già a una cinquantina di metri da noi. Da tranquilla la situazione è improvvisamente divenuta critica.
Il cacciatore deve andare a “recuperarla” e quindi mi lascia solo in avanscoperta. Inutile dire che poco dopo arriva il “lupo mannaro”: in effetti non è una creatura antropomorfa ma un cane grigio, un po' tigrato, gigantesco e alto al garrese quanto un uomo. Ricorda un alano come struttura fisica ma è molto più grande.
Io mi preparo a difendermi: il lupo mannaro fa varie finte e, passando da cespuglio a cespuglio si avvicina a me. Capisco che è molto astuto e, quando ormai mi è vicinissimo, comprendo il suo piano: non gli importa se lo colpisco col mio coltello perché la lama è fragile e, una volta piantata nel corpo, riuscirà a spezzarla. Ma io non scappo né mi faccio intimidire e mi concentro ancora di più: so infatti che avrò una sola possibilità e che il mio colpo dovrà essere mortale. Mi chiedo anche se valga la pena di affrontare il mostro così male equipaggiati: infatti se anche lo uccidessi ma io venissi ferito, mi trasformerei a mia volta in un licantropo; ma scarto l'idea perché ora non ho alternative...
Il lupo mannaro è ormai a pochi metri da me ma intuisco che vuole solo fare una finta per scartare da una parte all'ultimo momento: Lo aspetto a piè fermo: come previsto, prima di essere alla mia portata, si getta da un lato e...

Mi sono svegliato sentendo un colpo non meglio identificato simile a una porta che sbatte in lontananza! Mentre scrivevo mi è venuto a mente di aver visto prima di andare a dormire una puntata della serie L'esorcista in cui si vedono molti cuori umani che vengono bruciati in un forno: credo che l'immagine truculenta mi abbia fatto sognare la carne cruda. Nel pomeriggio invece avevo incontrato il mio “vicino” di casa che portava a spasso il suo cane: un mastino enorme, grigio tigrato. Ecco l'origine del mio lupo mannaro!
Stranamente, anche se mi sono svegliato in una situazione di pericolo, ero estremamente tranquillo come se avessi avuto un normale sogno e non un incubo...

Ma veniamo ai numeri!
Ieri sono andato al supermercato dove ho pagato 24,47€. Ciò che ha impressionato molto la cassiera è stato il fatto che quella era la stessa cifra della cliente precedente!
Io le ho chiesto allora (scherzosamente) se vincevo qualcosa e lei mi ha suggerito (furbescamente) di giocare tali numeri al lotto: cosa che io ho prontamente non fatto.

L'altra settimana, la domenica del referendum, verso le 20:45 sono andato a vedere alla tivvù il posticipo serale: uscendo di camera la mia sveglia funzionava normalmente.
Finita la partita ho aspettato ancora un po' per sapere i risultati del referendum e, tornato in camera, ho fatto l'amara scoperta: la mia sveglia si era rotta e mostrava l'indicazione “7 : L7”.
Ho subito capito che era un segno e che la sveglia si era sicuramente rotta alle 23:00, alla chiusura dei seggi.
Per saperne il significato ho controllato la Bibbia: Vangelo di Matteo, capitolo 7, versetti dal 5(*1) al 7 che riporto qui di seguito:
«(5) Ipocrita! Togli prima la trave dal tuo occhio e allora ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall'occhio del tuo fratello.
(6) Non date le cose sante ai cani e non gettate le vostre perle davanti ai porci, perché non le calpestino con le loro zampe e poi si voltino per sbranarvi.
(7) Chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto.
»
Il significato è chiaro: l'ipocrita del quinto versetto è sicuramente Matteo Renzi, nel sesto lo si invita a non gettare la Costituzione nel fango (ovvero a non modificarla oscenamente) e nel settimo si consigliano le elezioni anticipate.
E questo non lo dico io ma lo dicono la Bibbia e la mia sveglia (rotta).

La sveglia col suo inquietante messaggio...

Conclusione: dopo aver “concluso” la mia epitome adesso ho molta voglia di scrivere sul viario... e questo è il terribile risultato odierno!

Nota (*1): L=50, quindi 50 - 7, ovvero 5 - 07 → 5 - 7...

Nessun commento:

Posta un commento