«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

lunedì 21 marzo 2016

117bpm per compassione

Mi sono registrato mentre mi esercitavo sulle 4 battute rapide (le prime tre uguali e la quarta diversa) di Unholy Paradise e, un po' per incoraggiamento, ho stabilito che a 117bpm le suono bene! Ecco le mie prove: QUI
Da 0” a 49”: uso un plettro “Dunlop Ultex Sharp 1.14”: sono durissimi, rigidi e molto appuntiti. Io mi trovo un po' a disagio ma sono quelli preferiti dal mio maestro. Nella prova (a 118bpm), se va bene, riesco a suonare correttamente appena il 60% delle note...
Da 50” a 1'18”: uso un plettro “Fender Heavy” molto consunto con la punta quasi irriconoscibile; anche dal suono si sentono le varie note più ovattate e meno definite. Sempre a 118bpm forse vado un po' meglio ma, a causa della mancanza di punta, a volte manco la corda!
Da 1'20” a 2' 08”: uso un plettro non di marca (tonedeafmusic.co.uk) fatto di celluloide di 1mm. Molto flessibile e resistente, abbastanza appuntito. In teoria dovrei trovarmi bene ma non è così. Comunque, sempre a 118bpm, vado più volte vicino a suonare bene l'intera sequenza.
Da 2'10” alla fine: uso un plettro Ibanez “Steve Vai”: è rigido ma anche elastico, molto appuntito. Per qualche motivo che non capisco è il plettro col quale riesco ad andare più veloce. Abbasso i bpm a 117 e almeno una volta suono l'intera sequenza correttamente e altre volte quasi bene...

Augurio faceto - 27/3/2016
"Sono uova da queste parti..." - mormorò la cioccolata appena arrivata...

Troppo cibo... - 27/3/2016
Ho un pezzo ammezzato e una buona idea per un altro ma... ho mangiato troppo... non riesco a scrivere... se l'indigestione non mi uccide nella notte li pubblicherò domani... forse...

Riacciaeccolo - 2/4/2016
Ecco l'ultima registrazione di Heart of Steel che comprende l'inserimento di due note extra e lo “scivolo” migliorato. In realtà per lo “scivolo” non ho fatto come il maestro mi aveva suggerito ma l'ho semplicemente ridotto alla durata di 1/4 invece che 2/4: sono dell'idea che senza effetti strani non fosse possibile ottenere un suono dalla chitarra muovendo così lentamente la mano sinistra sulle corde...

Ecco QUI la nuova versione:
6” → La prima nota aggiunta
22” → La seconda nota aggiunta
31” → Lo scivolo breve

Nel complesso una buona esecuzione: potrei migliorare ancora lo “scivolo” ma per il resto non ho fatto grandi errori. Ricordo di aver suonato un PC (un D5 mi pare) plettrando solo 2 corde invece che 3 ma a causa della distorsione adesso non saprei dire quale...

Le due nutrie - 2/4/2016
Ieri ho fatto la mia passeggiata senza cuffie: ho pensato meglio anche se adesso non ricordo nessuna riflessione particolarmente interessante tranne forse il seguente (semplice!) problemino logico...

Nella mia passeggiata costeggio un piccolo torrente abitato dalle nutrie (una via di mezzo fra grossi topi e castori). In macchina si vedono raramente ma camminando a piedi è facili sorprenderli: adesso ho poi scoperto un piccolo sentiero che usano per passare dal torrente a dei campi vicini attraversando la strada. Ora quando ci passo sto particolarmente attento...

Proprio lì, un giorno, ho visto una nutria che tagliandomi la strada, e muovendosi piuttosto goffamente (decisamente più agili in acqua!), si è infilata nel campo. Un altro giorno ne ho vista una morta, investita da un'auto.

Quesito: come potrei essere sicuro che non si tratti della stessa nutria?

Nessun commento:

Posta un commento