«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

venerdì 19 agosto 2016

Bagnai su Twitter

Da qualche giorno ho scoperto la pagina Twitter di Bagnai ed è interessante perché mi dà l'idea di quale sia il polso (come idee e tendenze) degli economisti. In questi giorni è uscito il libro di un importante economista, Joseph Stiglitz, in cui dà parzialmente ragione a Bagnai scrivendo che la crisi è effettivamente originata dall'euro e proponendo l'adozione di un euro forte e uno debole per i diversi Stati. Questo ha provocato una sorta di terremoto e ora in molti (giornalisti ed economisti da due soldi), che prima davano del matto a Bagnai, si affrettano a modificare la propria posizione...

Quindi se fra qualche tempo sentirete sui media italiani (ovviamente su indicazione e autorizzazione del profeta di Rignano) che, in effetti, avere un euro2 più debole risolverebbe i problemi della nostra economia ecco, allora vi consiglio di non perdere più tempo ad ascoltare novelle ma di andare a leggere direttamente Goofynomics per capire realmente come stanno le cose...

Ho deciso... - 20/8/2016
...devo studiare un po' di statistica: è troppo importante!
Sfortunatamente all'università, l'esame di CPS era solo calcolo delle probabilità: eppure un po' di statistica avrebbe fatto bene anche a noi...
Stasera vedo di trovare un buon corso e di seguirlo tutto in tempi rapidi facendo anche gli esercizi anche se mi sembreranno troppo semplici, poi troppo noiosi e poi “c'è qualcosa che non va”!

Nuova scoperta e vecchie certezze - 20/8/2016
L'ho visto giocare in una sola partita (e quindi potrebbe essere un caso) ma Politano del Sassuolo mi ha davvero impressionato: ha tecnica, intelligenza e velocità. Sembra di un'altra categoria!

Sempre in tema Sassuolo non mi ha invece convinto Berardi: tutte le volte che lo vedo (non molte in verità) mi delude. Sì, è un giocatore estroso a cui, a volte, riescono giocate difficili ma, mi pare, ne sbagli anche tante... Insomma gli manca l'affidabilità del giocatore veramente forte: magari maturerà col tempo... oppure ho solo avuto sfortuna io che l'ho visto sempre nelle sue giornate peggiori!

E Pogba... - 20/8/2016
Ieri ho poi visto la prima partita di Pogba nel Manchester United: è partito malissimo, facendosi portare via la palla e sbagliando passaggi; dalla metà del primo tempo ha iniziato a “migliorare” sforzandosi di giocare facile: passaggi a 5 metri o all'indietro. Nel secondo tempo è migliorato ancora un po' e ha fatto vedere ciò che sa fare: ha arpionato un paio di palle allungando il gambone; ha fatto una progressione di forza (finita nel nulla); ha calciato dalla distanza (fuori di un paio di metri) e si è inserito per tirare di testa (alta di almeno mezzo metro). Soprattutto è evidente la sua lentezza, forse non determinante nel campionato italiano (lento di per sé) ma decisiva nel campionato inglese...

Insomma come ho sempre detto Pogba era un buon giocatore per il campionato italiano, è un discreto giocatore per la Premier inglese ma è appena sufficiente per una squadra del calibro del Manchester United. Nel complesso mi sembra infatti che Mourinho abbia in rosa almeno 5 o 6 giocatori chiaramente più forti di lui: credo che nei prossimi mesi, quando la la sua effettiva consistenza diverrà evidente, si creeranno problemi in squadra a causa dello squilibrio dei salari. In questa partita vinta per 2-0 in casa credo che un 6 di incoraggiamento l'abbia strappato ma in una partita difficile sarebbe naufragato del tutto. Vedremo!

Errore istruttivo - 26/8/2016
Incredibile! Avete presente i calcoli che non mi tornavano in Aggiornamento statistico? Ebbene in parte la ragione era che avevo sbagliato io una semplificazione: me l'ha fatto notare la moglie statistica del cugino (*1)! L'ultima equazione corretta è quella in fondo alla lunga serie di passaggi, dove poi scrivo «Ma nu/n equivale alla percentuale di 1, quindi:».

Quanto scritto è corretto ma “nu(n-nu)/n” non fa “pu/(1-pu)”!
Il mio errore è stato considerare “nu/n” uguale a “pu” come fosse una sorta di equivalenza testuale e non una vera e propria divisione: per questo motivo ho semplificato entrambi i fattori del nominatore. Se l'espressione fosse stata qualcosa tipo “4Y(10-6Y)/2” sicuramente non l'avrei semplificata in “2Y(5-3Y)” ma, probabilmente, in “2Y(10-6Y)”. In definitiva avrei dovuto semplificare “nu(n-nu)/n” in “pu(n-nu)” oppure in “nu(1-pu)”...

Questo è sicuramente un errore ma ancora i conti non quadrano: appena ho nuove notizie ne darò notizia!

Nota (*1): Precisazione: non è il cugino che ha sposato la statistica ma la moglie che l'ha studiata!

Nessun commento:

Posta un commento