«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

martedì 21 aprile 2015

+20

Ormai non seguo più i media e il risultato è che anche notizie clamorose, sulla bocca o quasi di tutti, talvolta non mi arrivano. Solo ieri pomeriggio ho saputo dei 700 immigrati morti in un naufragio nel Mediterraneo e, solo ieri sera, che 20 immigrati venivano spediti nel mio comune (e dovrebbero arrivare oggi, martedì).

Qualche domanda sparsa utile per una riflessione successiva.

Chi ha deciso di mandare 20 immigrati nel mio comune?
Se ho ben capito il governo mentre la popolazione locale, tramite le proprie istituzioni, non è stata interpellata.
Con quali criteri? Perché 20 nel mio comune e X in quello limitrofo?
Attualmente (ieri sera) ancora nessuno sapeva niente di niente. Eppure questo aspetto è importante per capire se questo onere è stato distribuito su tutto il paese equamente.
Dove verranno alloggiati?
Da quando è stata allertata, in tre giorni, la Croce Azzurra (credo!) ha trovato un capannone di un privato sperduto fra il capoluogo e una frazione. Essendo un capannone immagino non sia attrezzato con servizi igenici o altro...

Chi sono questi immigrati?
Quello dell'identificazione è un aspetto fondamentale della questione: dal punto di vista dell'immigrato il problema è che possono fare richiesta di asilo solo in un singolo paese della EU (quello che per primi li riceve, nel nostro caso l'Italia) ma questi vorrebbero farlo nei paesi più ricchi (vedi nord Europa e penisola scandinava) o dove, magari, hanno già parenti o amici: per questo non vogliono farsi identificare perché altrimenti, anche se raggiungessero (ad esempio) la Svezia, sarebbero comunque rispediti in Italia...
Di quale etnia? Di quale sesso? Ci sono bambini? Ci sono famiglie?
Le implicazioni organizzative mi sembrano evidenti ma, ovviamente, ieri sera non si sapeva ancora niente.
Problemi sanitari? Queste persone sono state visitate? Si sa se hanno problemi di salute e, in particolare malattie infettive, potenzialmente pericolose per la salute pubblica?
Non è dato sapere.
Competenze dei singoli immigrati? Pericolo sociale dei singoli immigrati?
Non si sa niente.

Quanto costano?
Io ho saputo 33€ a persona (ma su FB si parla anche di 38€) per un totale mensile di circa 1.000€ (*1), quindi nel caso del mio comune, 20.000€ al mese e cioè 140.000€ l'anno.
Da dove arriveranno questi soldi?
Credo dallo Stato: sarebbe interessante conoscere il numero totale dei rifugiati per calcolarne il costo complessivo. Se si tratta di 1.000 persone sarebbe 12 milioni, se 10.000 120 milioni e se fossero 100.000 1,2 miliardi.
Quando e come arriveranno questi soldi?
Non si sa.
Come verranno usati/distribuiti questi soldi?
Questo è interessante: direttamente in tasca all'immigrato andranno solo 2,5€ al giorno (75€ al mese) il resto (una parte dovrà essere usata per corsi di lingua!) andrà all'organizzazione che si prenderà “cura” di loro. Una ghiotta opportunità per cooperative scaltre e senza scrupoli per lucrarci un bel po'.
Una bella fregatura invece per una famigliola di immigrati: 4 persone (ad esempio marito, moglie e due figli) avrebbero potenzialmente a disposizione 4.000€ al mese (*2) con i quali potrebbero passarsela decisamente meglio della maggioranza delle famiglie locali!

La mia riflessione.
La maniera più sensata per affrontare questa emergenza sarebbe quella di organizzare dei grandi centri di accoglienza: in questa maniera sarebbe possibile il massimo controllo con il minimo costo.
Sfortunatamente in passato questo tentativo è già stato fatto ma i soliti furbi che avevano in gestione (magari anche indirettamente per specifici servizi) questi centri, per guadagnarci il più possibile, li avevano trasformati in delle specie di lager dai quali gli immigrati cercavano, comprensibilmente, di fuggire in tutti i modi.
Cosa vuole ottenere quindi il governo Renzi disperdendo gli immigrati su tutto il territorio nazionale? Io credo che si tratti della solita “furbizia” italiana: l'Italia per le leggi internazionali ed europee dovrebbe farsi carico dell'emergenza ma per incapacità politica e limiti economici non ne è in grado. La soluzione pensata è quella di dare la possibilità ai singoli immigrati di far perdere le proprie tracce e raggiungere gli altri paesi il più presto possibile. Una volta all'estero sarà nell'interesse dell'immigrato cercare di non tornare in Italia: per questo mi chiedevo quanto bene siano stati identificati gli immigrati: non mi stupirei se fosse stato dato ordine di identificarli nella maniera più approssimativa e superficiale possibile...
Mi aspetto che già nella prima settimana un terzo circa si dia alla fuga e, in un mese, circa metà: vedremo...
Occhio poi a possibili incidenti di ordine pubblico: già adesso nella mia zona c'è stata una forte impennata della piccola criminalità che viene attribuita, non ho idea se a torto o a ragione, agli immigrati...

Conclusione: l'immigrazione è un grosso problema e oscillando fra buonismo e xenofobia non è facile valutare correttamente la situazione. Magari tornerò sull'argomento con degli aggiornamenti...

Nota (*1): Poco? Beh, la pensione minima nel 2014 è stata di 501,38€ al mese. Vedete voi cosa è poco o tanto...
Nota (*2): meno se per i minorenni il contributo è minore, ma è una supposizione, non ne ho idea...

Nessun commento:

Posta un commento