«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

lunedì 28 ottobre 2013

Pane croccante

Da quando ho la macchina per fare il pane (*1) sto lottando per ottenere una bella crosta croccante con mollica delicata. Sfortunatamente, anche selezionando la massima tostatura (*2), il risultato non mi soddisfaceva mai completamente.

Finalmente però ci sono riuscito! Ho trovato la formula, con tanto di ingrediente segreto, che riesce a fare il “miracolo”!
La soluzione è l'aggiunta di un po' di farina di granturco, quella per fare la polenta (*3), e il gioco è fatto. Ho voluto provare due volte per verificare che non si fosse trattato di un caso fortunato (*4). Le dosi per 1 Kg di pane sul programma “Pane francese” sono:
  • 365 ml d'acqua
  • 50 gr di farina di granturco non precotta (*3)
  • 250 gr di farina tipo 0
  • 320 gr di farina Manitoba
  • 2 misurini si sale
  • 1 misurino di zucchero
  • 1 misurino e mezzo di lievito in polvere

Ovviamente a seconda della propria macchina queste dosi saranno un po' diverse ma è da notare come la percentuale di farina di granturco sia minima...

Se qualcuno prova mi faccia sapere il risultato!

Nota (*1): Moulinex Uno
Nota (*2): il mio modello prevede tre livelli di “doratura” della crosta.
Nota (*3): però ne ho usata una non precotta: non so cosa succeda se si usano farine che cuociono in due minuti!
Nota (*4): intendiamoci, il giorno dopo la crosta perde croccantezza ma si conserva comunque molto meglio che senza l'ingrediente extra...

Risolto - 28/10/2013
Ho appena scoperto che Google ha risolto il fastidioso problema che non mi permetteva di aggiornare il collegamento (quello sotto il titolo) al corto più recente (v. il corto Pasticcio Blogger): bene così!

Puerto Mahón - 29/10/2013
Fra le note della Vita privata del maresciallo di Richelieu (v. Il maresciallo di Richelieu) ho scoperto un'etimologia molto interessante! Il Richelieu aveva anche delle buone doti: una di queste era l'abilità militare.

Nel 1756 il Richelieu comandava una spedizione contro l'isola di Minorca e assediava Puerto Mahón occupato dagli inglesi. La posizione degli avversari era solidissima: la fortezza era ben guarnita e le provviste abbondanti. Al contrario i francesi erano a corto di viveri e falcidiati dalle malattie. Tergiversare era inutile così Richelieu, con un discorso ispiratissimo, riuscì a infondere ardore guerresco nei suoi uomini e, sorprendendo gli inglesi, attaccò frontalmente la fortezza sfidando il fuoco dell'artiglieria: gli inglesi ne furono così impressionati che si arresero subito!

Ah, mi ero dimenticato l'etimologia: beh, il cuoco di Richelieu, a corto di ingredienti, dovette arrangiarsi con quello che aveva e fu così che inventò la maionese, in francese mayonnaise, deformazione di mahonnaise dal nome della cittadina assediata!

Magnus Carlsen - 5/11/2013
Segnalo un bellissimo documentario in inglese su Magnus Carlsen, il ventiduenne che fra pochissimi giorni (il 9 novembre) affronterà per il titolo di campione del mondo l'attuale detentore, Viswanathan Anand, a Chennai in India. Carlsen è strafavorito ma su sole 12 partite tutto può accadere.

Gente strana gli scacchisti: ovviamente io ero uno di loro...

PS: l'unico problema è che il video ogni tanto si blocca e bisogna aspettare un po' per vederlo proseguire: semplicemente dubito che l'archivio dati norvegese sia sufficientemente dimensionato per gestire tante visite tutte insieme come sta avendo adesso...

Alba - 5/11/2013
Superate le 10.000 foto con la mia Canon EOS: e ora la butto?

2 commenti:

  1. NON buttare la macchina, non è colpa sua se le tue prime 10 000 foto sono le peggiori. È inevitabile.

    RispondiElimina
  2. Beh, le darò un avviso: o si mette a fare foto migliori o sarà peggio per lei! :-)

    RispondiElimina