«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

sabato 29 aprile 2017

Trump e WTO

Ho appena letto Press Briefing by Secretary of Commerce Wilbur Ross on an Executive Order on Trade Agreement Violations and Abuses.

Vari spunti interessanti:
- molto sveglio questo Ross: ha fatto fare la figura del bambino deficiente a un giornalista che poneva domande faziose.
- problemi reali del WTO: 1. regole effettivamente sfavorevoli per gli USA, ovvero la clausola “Most favored nation” che in pratica obbliga gli USA a non mettere alcun dazio anche verso paesi che li hanno; 2. il WTO ha regole e verifiche tutte orientate verso il controllo delle tasse sulle importazioni ma non su altri tipi di politiche commerciali.
- Preoccupante l'accenno alla protezione delle “proprietà intellettuali”: temo sempre che tale legittimo obiettivo sconfini nella censura di Internet. In tal caso la cura sarebbe peggiore della malattia.
- La Cina è stata solo menzionata: solo un giornalista ha posto la domanda sulle sue pratiche commerciali ed è così venuto fuori il problema 2 del WTO. La sensazione però è che il segretario non volesse parlarne.

Prove tecniche - 4/5/2017
[E] Per la comprensione completa di questo pezzo è utile la lettura della mia Epitome (V. 0.2.1). In particolare il capitolo: 11.

Ercolano, tra i migranti che hanno votato alle primarie Pd. In 51 su 96 ai seggi. “E chi non lo ha fatto si è lamentato” di Vincenzo Iurillo da IlFattoQuotidiano.it

Non certo solo per questo articolo ma sono sempre più convinto che la tesi centrale espressa in Il capitolo mancante sia corretta: ovvero che l'immigrazione sia voluta non tanto per avere mano d'opera a bassa costo (*1) quanto per drogare il sistema democratico. La reazione della popolazione alla perdita di ricchezza/forza è infatti quella di sperare nei populismi e per questo si cerca di creare un gruppo di persone nella società, ovvero gli immigrati, che vadano a votare per i partiti tradizionali (*2).

Conclusione: le parole dello Pseudo Lincoln (v. Mistero Lincoln) riecheggiano forti: «Si può ingannare qualcuno per sempre e tutti per qualche tempo: ma non si può ingannare tutti per sempre». E questa è la situazione attuale: i partiti tradizionali stanno ingannando la popolazione (che però inizia a rendersene conto) e allora si cercano nuovi elettori che ancora possano credere alle vecchie bugie.

Nota (*1): Da questo punto di vista l'Europa non ha bisogno di operai ma di ingegneri: insomma mano d'opera specializzata e a basso costo con lo scopo di calmierare il costo del lavoro per questi ruoli.
Nota (*2): Magari creando una contrapposizione artificiale fra la forza populista e gli immigrati. Dubito ad esempio che immigrati o figli di immigrati col diritto di voto voteranno per la Lega.

Sulle francesi - 8/5/2017
Alle elezioni francesi il figlioccio dei parapoteri economici, allevato con pane e “sani principi” Rothschield, ha stravinto contro la “fascista” Le Pen. L'EU tira un sospiro di sollievo mentre io sbuffo: solo uno sbuffo perché me lo aspettavo...

In questo caso ha pesato tutto il pregresso del partito della Le Pen: non importava se, ad esempio (percentuali messe a casaccio), il 90% delle cose che diceva fosse giusto e il 10% sbagliato, magari col suo avversario Macron nella situazione opposta, alla fine i francesi hanno votato di pancia.
Sì, proprio di pancia: ma ha votato di pancia anche chi ha scelto un Macron che continuerà l'opera di distruzione economica (analoga a quella italiana ma al momento un po' meno grave) sottomessa al volere dei parapoteri.

Quella francese è la prefigurazione della democrazia che i parapoteri sperano di ottenere nel resto d'Europa: un'opinione pubblica che senza capire niente si fida dei media (schierati tutti da una parte) e vota il candidato da loro voluto. Da notare il peso pro e contro dell'immigrazione e del voto dei francesi di nuova immigrazione: tutto in accordo con le mie recenti teorie sul vero motivo dell'attuale immigrazione.

Difficoltà dieta - 8/5/2017
Aprile è stato terribile: Pasqua, il mio compleanno (anticipato) e un invito da un amico hanno contribuito a non farmi calare di peso. In più nel momento di massimo sforzo ho avuto un atroce problema di stipsi. Alla fine ho capito che il problema era la bottiglietta di succo di limone che stavo scolandomi insieme ai tè. Eliminato il succo ho ritrovato la mia “regolarità” ma in pratica ho perso una decina di giorni di dieta...

Speriamo di riuscire a fare progressi a maggio. Ah, 75Kg.

Magia chitarristica - 8/5/2017
La mia chitarra continua a essere in crisi: non sono stato più fermo per oltre un mese come a dicembre/gennaio ma continuo comunque a esercitarmi in maniera estremamente irregolare, qualcosa come un giorno sì e due no. È buffo perché proprio adesso iniziavo a notare dei progressi notevoli: il fatto è che non ho mai suonato con l'obiettivo di divenire bravo e quindi i progressi non mi motivano particolarmente.

Ieri mi sono esercitato dopo ben 6 giorni di inattività: mi aspettavo di far schifo come al solito ma invece sono andato particolarmente bene! Mi ricordavo tutto ed ero sorprendentemente preciso (per il mio solito intendo). Il miglioramento che più mi piace è che adesso posso suonare una sequenza, anche lunghetta, di note senza pensarci: una volta che ho capito quali siano i movimenti delle dita non ho più bisogno di pensarci per eseguirli ma queste si muovono da sole. Io decido solo a che velocità devo andare. E ovviamente posso suonare molto più veloce di prima perché non devo più pensare alle singole note!

Se fossi un calcolatore è come se avessi iniziato a disegnare la grafica usando la GPU invece che la CPU!

Nessun commento:

Posta un commento