«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

lunedì 11 luglio 2011

Pericolo ittagliano

Quanti post avrò scritto? Quattro o cinque (*1), non di più...
Ebbene il mio amico fine conoscitore della lingua di Dante (vedi Lezione di itagliano) mi ha subito identificato una marea di errori ortografici...

Per questo, non senza un certo imbarazzo, mi sono deciso a ricontrollare tutto e ho trovato: 2 errori in Libri di casa, 0 (e vai!!) errori in Istinto a delinquere, 1 refuso (*2) e 1 errore in L'Italia ora è sicura!, 0 errori (e rivai!!) in Previsione, 1 refuso in Fischi per fiaschi e ½ errore in Amore in bagno.

In “Libri di casa” ho sbagliato il verbo “costrui” al posto di “costruii” (ma questo secondo me è da considerarsi quasi un refuso visto che “costrui” non esiste) e la parola “toilet” invece che “toilette” (in genere conosco e uso la seconda versione ma pensavo che anche la prima fosse corretta...).
In “L'Italia ora è sicura!” l'errore più grave e vergognoso subito rilevato dal mio amico: “denuncie” al posto di “denunce” (il refuso invece era “artcolo” invece che “articolo”)...
In “Fischi per fiaschi” il refuso era “snagliati” invece che “sbagliati”.
In “Amore in bagno” invece ho considerato solo ½ errore (anche questo subito individuato dal mio amico) perché ho scoperto che la mia versione, sebbene più rara, è comunque corretta: si tratta di “cechi” invece che “ciechi”.

Pensavo peggio però: temevo di trovare 3 o 4 errori per post invece, a parte il grave “denuncie”, c'era poca roba. Non per fare nomi ma su fonti molto più illustri del mio blog, ad esempio sul quotidiano “La Nazzione”, si trovano spesso un paio di errori per riga!

Nota (*1): scritti senza usare il correttore ortografico automatico...
Nota (*2): inizialmente al posto di “refuso” avevo usato “typo” poi però mi era venuto il dubbio che non fosse il termine italiano corretto: così ho fatto una rapida ricerca su wikipedia e ho scoperto che “typo” (abbreviazione di “Typographical error”) è considerato sinonimo di refuso solo nel “gergo informatico”...

Nessun commento:

Posta un commento