«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

venerdì 27 novembre 2015

Tolleranza e rispetto

Ho finito di leggere un interessante libriccino: La religione di Zarathustra di Ferdinando Romano, Ed. Xenia, 1998. Ma oggi non intendo parlarne direttamente: piuttosto voglio esporre una mia teoria, sulla quale da tempo ponderavo, che questa ultima lettura mi ha confermato.

Premessa: tutte le religioni sono pacifiche.
Le religioni vanno infatti a sovrapporsi alla società influenzandola pesantemente: una religione non pacifica porterebbe a una società instabile e, sicuramente, incompatibile col mondo moderno (*1).

Tutte le religioni sono pacifiche ma ci sono quelle che lo sono di più e quelle che lo sono di meno. In particolare credo che giudaismo, cristianesimo e Islam abbiano elementi che le rendano poco tolleranti verso l'esterno, verso chi non è un correligionario.

Sul giudaismo scrissi l'interessante corto Poli vs Mono: 0-1; sul cristianesimo ho scritto più volte ma, forse, il pezzo che più centra l'argomento è Sulla diffusione del cristianesimo; infine, per l'Islam, rimando al mio recente Il vero Islam qual è?

Per rendersene conto basta confrontare queste tre religioni con altre. Io non sono un esperto ma sia taoismo che buddismo (le uniche altre religioni di cui conoscevo qualcosa) mi sono sembrate molto più rispettose degli altri.
Ecco, il punto è proprio questo, al posto di tolleranza si parla di rispetto. La differenza è evidente: la tolleranza è la sorella povera del rispetto. Chi rispetta gli altri li tollera pure mentre il contrario non è sempre vero.

Ma buddismo e taoismo sono religioni estremamente filosofiche che, in pratica, danno una razionalità alla pacifica convivenza: è ragionevole aspettarsi che siano rispettose delle idee altrui e quindi degli altri.
Invece lo zoroastrismo ha l'impianto di una religione monoteistica (il suo dualismo è solo apparente) e il confronto con le tre religioni abramitiche è più facile: ecco che in questa religione spicca enormemente l'accento sul rispetto degli altri...

Conclusione: mi fermo qui perché non mi va di scrivere di argomenti così delicati senza conoscerli adeguatamente. Credo comunque di aver sufficientemente spiegato la mia teoria.

Nota (*1): non escludo infatti che religioni violente possano essere esistite in passato...

Nessun commento:

Posta un commento