«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

martedì 3 maggio 2011

Apologia

Ultimamente ho avuto delle crisi di coscienza. No, non sto esagerando: addirittura ho finito per autocensurarmi!
Il motivo è il post Consigli per il portavoce, dove ironizzo su Berluska, e la vignetta per “Politica” dove campeggia la sua caricatura. Sì, è vero, ho anche scritto diversi altri post non proprio allineati con una visione di “sinistra” della politica però erano opinioni generiche e non indirizzate contro una specifica persona. Il fatto è che Berluska si presta bene a essere preso in giro! Cioè, ad esempio, di Bersani non so niente (*1)! Come potrei ironizzare su di lui?
Fatto è che nel week-end ho disegnato una nuova vignetta per “Storia” (vedi qui) dove mostro un matto che si crede Napoleone/KGB che scappa da un manicomio: sulla sinistra c'è un cartello ed ero fortemente tentato dallo scriverci sopra “Arcore” poi, a malincuore, per i motivi sopraddetti, ho desistito optando per un più anonimo “Villa Madama” (*2)...

Per questo oggi, per compensare, voglio elencare quelli che considero alcuni aspetti positivi di Berluska.

1) Berluska è moolto ricco. La conseguenza positiva è che non è facile corromperlo con del denaro. Se qualcuno gli offrisse 10 milioni per un favore lui risponderebbe: “Cribbio! Ma che ci faccio con 10 milioni? Ci pago la tredicesima ai giardinieri? E mi consenta!”

2) I festini di Arcore. Personalmente ritengo che avrebbe fatto meglio a evitarli e a risparmiare le forze per governare al meglio l'Italia però non mi sembrano nemmeno così importanti da decretare la caduta del governo. Sono sicuro che molti altri uomini ricchi che possono permetterselo fanno altrettanto (ricordate i festini sadomaso di Mosley?) solo che Berluska ha tutti gli occhi addosso e si è fatto beccare. Ecco, secondo me è più disdicevole l'ingenuità con cui si è fatto beccare che la condotta morale vera e propria. “Ma Ruby era minorenne!” É vero, ma aveva 17 anni non 7... Cioè (mia modesta opinione, ovviamente) in Italia si è scelta la soglia dei 18 anni per stabilire chi siano le persone pienamente capaci di intendere e di volere. Ovviamente si è scelta un'età alla quale mediamente il 95-99% delle persone sono effettivamente mature: ma questo oggettivamente significa che a 17 anni e mezzo sono mature almeno il 75% delle persone, a 17 anni il 50% etc...(*3)
Probabilmente la bella Ruby (che poi a me tanto bella non sembra) a 15 anni la sapeva più lunga di me a 30! Non era insomma una povera studentessa sprovveduta che pensava di essere stata chiamata ad Arcore per presentare una tesina...

3) Non è un politico di nascita. Questo in realtà ha conseguenze sia positive che negative. Oggi mi limito al positivo. Berluska si è dato alla politica relativamente tardi, a 57 anni, e prima di allora aveva fatto, con un certo successo, l'imprenditore. Mi pare evidente che questa sia una garanzia che non sia solo bravo a parlare (anzi bravo a parlare non lo è e, spesso, cade in errori che un politico di “nascita” non farebbe mai. Le sue barzellette sono poi penose...) ma anche a fare: la stessa cosa non si può dire per la maggior parte dei suoi avversari e alleati.

4) “Berluska imprenditore di successo? Deve tutto alla mafia!”. Forse è colpa mia, come mi ripete alla nausea mio padre dovrei informarmi di più, ma proprio non capisco come la mafia possa far fare i soldi a qualcuno. Insomma in Sicilia la mafia è bella forte eppure non vedo un proliferare di imprenditori di successo: mi pare anzi che la mafia agisca come una pesantissima zavorra sociale (vedi I mali dell'Italia) piuttosto che come una banca di affari specializzata in rischiose speculazioni. Che poi qualche suo collaboratore possa averci avuto a che fare mi pare possibilissimo ma dubito invece che ci sia stata questa sinergia fra Berluska e Cosa Nostra come si racconta...

Conclusione: Dico che Berluska è buono, bravo e intelligente? No. Dico di votare per Berluska? No. Dico di fare come me? No.
Come in tutti i miei post suggerisco ai miei lettori di pensare con la propria testa, di essere oggettivi e di non fermarsi all'apparenza dei fatti ma di capirne l'essenza. Non credere a ciò che ci piacerebbe credere e meditare sopra ciò che non ci piace. Ah! e state attenti a non farvi condizionare dall'italica ipocrisia...

Nota (*1): L'unico personaggio papabile sarebbe Antonio Di Sasso: potrei basare un post su una serie di dichiarazioni completamente sgrammaticate... uhm... ci penserò...
Nota (*2): Villa Madama è la sede del senato... oops! No quello è Palazzo Madama: uffa, mi toccherà correggere...o forse l'ambiguità è carina?
Nota (*3): Intorno a queste età “soglia” poi non c'è uniformità di pareri: vedere i diversi limiti di età in stati come Italia, USA e Olanda per prendere la patente, per l'acquisto di alcolici, sigarette o far sesso “consenziente”...

Nessun commento:

Posta un commento