«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

lunedì 25 giugno 2018

Commenti al volo

Non mi piace scrivere questi pezzi polpettone in cui vi inserisco tutti gli avanzi di pensieri che, da soli, non sarebbero bastanti a un pezzo completo.
Da una parte credo che sarebbe più corretto farne tanti corti; dall'altra, proprio stilisticamente, la mancanza di un filo conduttore li rende brutti o almeno sgradevoli da leggere.
Eppure farne dei corti sarebbe molto più impegnativo: dovrei dosare le parole per non superare il vincolo di 17 linee di testo (anche se ultimamente sono stato meno fiscale) e poi, tecnicamente, i corti mi prendono un po' più tempo per essere inseriti nel viario (ad esempio per aggiornare il collegamento al corto precedente oppure quello presente nell'intestazione e che rimanda al corto più recente). Quindi...

1. Avevo torto.
Nei miei pezzi politici sul dopo elezioni spiegavo di essere incerto sull'opportunità della Lega di allearsi col M5S. Spiegavo che da una parte il M5S, populismo apparente, e la Lega, populismo reale, avrebbero avuto difficoltà a mettersi d'accordo per ottenere risultati concreti; dall'altra ammettevo che, comunque, essere al governo crea consenso. I due fattori mi sembrava che si equivalessero ma Salvini, anche grazie al suo ruolo di ministro dell'interno, ha dimostrato che non è come pensavo: essere al governo E darsi da fare è sicuramente molto vantaggioso. Ovviamente nel medio e lungo termine, se non si portassero a casa risultati concreti, potrebbe non essere così: ma al momento Salvini ha letto molto meglio di me le opportunità che dà essere al governo.

2. Sinistra e immigrati.
Su FB vedo che i miei amici e conoscenti di sinistra (vivo in un fortino “rosso” della Toscana) sono in totale confusione: ripetono luoghi comuni, lanciano accuse infondate a Salvini e poi si chiedono come mai la sinistra è in crisi.
Il motivo lo posso spiegare io: la sinistra non dà risposte concrete ai problemi del paese.
Mi limito al caso dell'immigrazione ma lo stesso vale per l'economia, il lavoro, la sanità, etc...
La sinistra dice “Salvini razzista perché fa politica sulla pelle degli immigrati”.
Allora, a parte il fatto che opporsi al traffico di essere umani secondo me non è razzismo, quale sarebbe la proposta concreta della sinistra?
Facciamo sbarcare gli immigrati in Italia, mandiamo le motovedette a recuperare i gommoni al largo della Libia, e poi?
E poi siamo punto e a capo: il flusso di certo così non si arresta ma, anzi, lo si incoraggia.
In pratica la risposta della sinistra a questa crisi è non affrontare il problema ma gestire solo l'emergenza creando altra emergenza e non incidendo in alcun modo sulle cause della stessa, anzi favorendole.
Ormai questa politica totalmente inefficace andava avanti da anni e anche gli italiani più ottusi se ne sono resi conto...

3. Saviano.
Non sapevo chi fosse esattamente Saviano: avevo una vaga idea che fosse l'autore di Gomorra e un altrettanto sfocata immagine della sua faccia.
Il tizio mi stava antipatico a pelle e le sue affermazioni non destavano in me il minimo interesse.
Recentemente ho però notato che è attivissimo nell'attaccare questo governo e, in particolare, Salvini: non si preoccupa neppure di argomentare le proprie accuse ma si limita a gettare fango...
La mia sensazione è che Saviano, a corto di idee, cerchi solo pubblicità visto che poi le sue frasi, come se fossero le riflessioni di uno dei massimi intellettuali italiani, vengono riprese e rilanciate da media e sulle reti sociali.
Io credo che Saviano miri a entrare in politica e adesso si stia preparando semplicemente il campo: sia chi lo apprezza che chi invece si indigna per le sue affermazioni aumentano la sua notorietà e, alla fine, per essere eletto serve quella...

4. La Stampa.
Il quotidiano La Stampa ha recentemente cambiato la propria grafica e anche la sua versione in linea, LaStampa.it, ha subito qualche modifica.
In particolare tutti gli articoli riservati agli abbonati sono contrassegnati da una “S” dentro un cerchietto. Ad occhio il 75% degli articoli sono solo per gli abbonati: il risultato è che io, sempre più raramente, vado a leggere il loro sito. Era questo il risultato voluto? Bo...

5. Epitome.
Ho già ricominciato a portare avanti la stesura delle versione 0.5.2 che, pur senza modifiche strutturali, comprende nuove idee e concetti. Sono appena all'inizio delle aggiunte ma la nuova versione è già più lunga di 4 pagine rispetto alla 0.5.1...

6. Media.
Ma come fanno schifo i media italiani?
Perfino i giornalisti sportivi, che quindi dovrebbero essere più liberi di ricercare la verità non subendo le pressioni di quelli che seguono la politica, sono faziosi e trattano il proprio pubblico da fessi.
In questi giorni mi diverto ad ascoltare la Gialappa's Band e in un paio di occasioni hanno fatto delle affermazioni ovvie e di buon senso che invece, i cosiddetti giornalisti, a causa della loro piaggeria ipocrita verso alcune squadre italiane, non si permettono nemmeno di accennare.
Non entro nei dettagli...

Conclusione: non ho niente di particolare da aggiungere. Idee sparse, che ho raccolto insieme e pubblicato giustapponendole una all'altra, non meritano conclusioni degne di nota...

Nessun commento:

Posta un commento