«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

venerdì 2 giugno 2017

Sillabe e haiku

Dopo i corti “Un haiku” e “Ne so poco” ho deciso di cimentarmi nuovamente con un haiku.
Come spiegato ho la sensazione che la mia prima poesia fosse troppo astratta mentre credo invece che gli haiku debbano essere basate su episodi più concreti.

Avevo un'altra idea e così ho provato a spostare le parole fino a trovare la giusta combinazione di sillabe: ed è qui che è sorto il problema...

Una delle parole usate aveva due vocali accostate insieme e non sapevo se dovevano essere considerate in sillabe diverse oppure no!

Come si divide in sillabe in italiano?
Cioè le regole generali sono semplici e non sto a ripeterle: ma quando ci si trova con due vocali consecutive queste vanno divise oppure no?
La risposta è “dipende”. Se le due vocali formano un dittongo allora rimangono nella stessa sillaba, se invece le due vocali formano uno iato allora devono essere divise.
Quindi la domanda diviene: quando si ha un dittongo e quando uno iato?
Per rispondere a questa domanda bisogna prima fare un'ulteriore distinzione fra vocali deboli e vocali forti. Le vocali forti sono: “a”, “e” e “o”; le vocali deboli: “i” e “u”.
Gli iati sono formati dall'incontro di due vocali forti oppure di una forte insieme a una debole ma accentata.

Ad esempio il nome Mario si scompone in due sillabe: Ma + rio (debole + forte). Invece Maria si scompone in tre sillabe: Ma + ri + a questo perché la “i” è accentata.

In teoria adesso dovrebbe essere tutto chiaro ma non sempre mi è evidente dove cada l'accento: sì, lo so che la maggior parte delle parole sono sdrucciole ma, mi chiedo, se c'è più di un accento in una parola (magari lunga) non so come fare a identificarlo... Oppure in italiano solo una vocale per parola può venire accentata? Bo...

Comunque il mio nuovo haiku è il seguente:

La vecchia spina
Della rosa sfiorita
Punge il dito.


Su “vecchia” non avevo dubbi che l'accento fosse sulla “e” e che quindi lo “ia” finale fosse un dittongo, ma per “sfiorita” sono incerto: sicuramente la seconda “i” è accentata, ma la prima?
Io spero di no: altrimenti dovrò cambiare la poesia!

Conclusione: per un po' credo di aver chiuso con gli haiku! A proposito: il significato delle due poesie è chiaro, vero?

Nessun commento:

Posta un commento