«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

lunedì 24 febbraio 2014

Ancora su GURPS...

Ho preso l'occasione per ricollegarmi al sito Warehouse 23, ho ricontrollato i miei GURPS acquistati in PDF e ho “scoperto” che ho anche WWII: Doomed White Eagle e WWII: Michael's Army!!

Di seguito la schermata dei miei GURPS acquistati su Warehouse23 (tanto per non far pensare che siano piratati!):
Come si vede comprai gli ultimi prodotti molti anni fa: solo le novità non pubblicate in versione cartacea e dei vecchissimi GURPS che non mi era riuscito procurarmi in altro modo: Zombietown USA, Ice Age, “Man to Man Combat” e pochi altri (e dopo averli visti non mi stupisco che non siano stati ripubblicati!)...

Statista o visionario - 4/3/2014
Per una volta devo dare ragione a mio padre: l'altra settimana mi diceva di aver letto Grillo vs Renzi (2/2) e di essersi trovato d'accordo con me tranne che sulla definizione di Grillo come “statista”.
E, a mio onore, mi sono subito corretto precisando che ha la visione a lungo termine dello statista ma che, in effetti, lo statista per essere tale deve avere anche le astuzie del politico che invece a Grillo mancano...

Quindi Grillo non è uno statista ma un visionario: nel senso “buono” di chi ha una visione del futuro a lungo termine.

Ancora famigliare - 9/3/2014
A causa del pezzo Figlio unico sono stato severamente ripreso da un mio amico.
Il problema non è il contenuto ma la forma e, in particolare, l'aver usato l'aggettivo “famiGliare” ben quattro volte!
Siccome non tutti hanno la mia memoria forse è bene rimandare alla conclusione del pezzo Lezione di itagliano dove spiego che, seguendo le indicazioni del Devoto Oli, avrei usato “famigliare” per indicare ciò che è relativo alla famiglia e “familiare” per ciò che è noto da lunga consuetudine.
E questo pur essendo consapevole che l'uso di “famigliare” è minoritario e magari, talvolta, dovuto a ignoranza.

. della situazione - 10/3/2014
Ieri ho trovato un articolo sulle ultime, ventilate, minacce alla libertà di Internet e, quindi, degli italiani.
Niente di nuovo sotto il sole ma la parte interessante è il confronto con gli altri paesi.
L'articolo è questo: Web e diffamazione... dal Fattoquotidiano.it

Io preferisco non commentare perché altrimenti mi arrabbio troppo. Aggiungo solo che la mia posizione è ultralibertaria e per me dovrebbe essere possibile esprimere qualsiasi opinione senza restrizioni di sorta...

La ragioniere - 11/3/2014
Altra puntualizzazione lessicale: nel pezzo Il consulente e la ragioniere mi sono volutamente intestardito a usare “ragioniere” come sostantivo femminile al posto del comune (e forse l'unico corretto!) “ragioniera”. Il motivo è che ho voluto applicare rigidamente la regola che dice che il femminile dei lavori che finiscono in “e” (il/la giudice, il/la cantante) dovrebbero rimanere tali mentre quelli che finiscono in “o” dovrebbero prendere la “a” (il/la politico/a).

Per curiosità ho poi controllato su Google quante volte si trova “la ragioniere” e, a occhio, l'abbiamo scritto solo in cinque o sei: ovviamente, chi come me non si vergogna a scrivere “viario” per “blog”, “epistola” per “email” eccetera, non si fa certo scoraggiare da questi numeri negativi e, anzi, persevera con pertinacia!

2 commenti:

  1. Bè... e come ti sono sembrati?

    Michele

    RispondiElimina
  2. Scusa mi ero dimenticato di risponderti!

    Ehmm... sfortunatamente compro molti più libri di quanti riesca a leggerne e per i GURPS la situazione era analoga... :-/

    Attualmente sto leggendo Grim Legions e poi, ormai sono curioso, passerò ai due PDF. ;-)

    RispondiElimina