«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

martedì 17 giugno 2014

Italia - Inghilterra 2:1

Nonostante la vittoria rimango della mia idea: saremo vittima del karma negativo e la sfortuna ci colpirà! Questa vittoria serve solo a illuderci per poi rendere più amara la delusione...

Il mio scetticismo, rispetto all'ottimismo dilagante, è dovuto al fatto che l'Inghilterra non mi è parsa la squadra forte che immaginavamo: da questo punto di vista saranno indicative le prossime partite degli inglesi. Il nostro problema è l'attacco: controlliamo il gioco ma raramente tiriamo in porta. Il gol di Marchisio è venuto su calcio d'angolo e solo quello di Balotelli su azione. A proposito di Balotelli devo ammettere che si è impegnato più del solito (penso al milan) è che nell'azione del gol si è mosso da attaccante: ma una rondine fa primavera? La difesa è ballerina e non sono sicuro che basterà sostituire il deludente Paletta per risolvere ogni problema.

Prossima partita decisiva non tanto per la qualificazione quanto per capire la reale forza dell'Italia.

Italia – Costa Rica 0:1 - 21/6/2014
Più o meno la partita che mi aspettavo.
Questa volta, mancando il gol, si è evidenziata la stitichezza di un attacco incentrato su un Balotelli fuori ruolo che non mi ha mai convinto. Prandelli poi si è intestardito a fare tutte le sostituzioni possibili fuori che quella giusta: ovvero inserire Immobile prima punta facendo fare a Balotelli la seconda. Fra parentesi non sarebbe stato meglio portare Rossi al posto di Cassano?

Ultima partita assolutamente difficile e non scontata contro l'Uruguay che, considerando i suoi risultati con Inghilterra e Costa Rica, dovrebbe essere al nostro livello. Sicuramente la partita migliore per verificare la mia teoria (v. il corto Karma azzurro) sul karma negativo!

Jolene - 21/6/2014
Sono in grande difficoltà: non riesco a decidere quale delle seguenti versioni preferisco!


Jolen – Dolly Parton – Versione Originale

Jolen – Dolly Parton – Versione Rallentata

Jolen – Dolly Parton – Versione Rallentata ma con frequenze invariate

Al momento sono orientato sulla versione originale ma non sono convinto: consigli?

Capolavoro 3 - 23/6/2014
Dopo un bel po' rispetto ai miei precedenti esperimenti (v. i corti Capolavoro 2 e Capolavoro!) ecco finalmente una mia nuova creazione!

Questa volta mi sono basato sulla pentatonica minore di LA: prima ho ideato la melodia, poi ho stabilito in che tonalità ero (ci farò un pezzo a parte!) e così ho scelto gli accordi per l'accompagnamento da abbinarci, infine ho aggiunto una battuta di introduzione prima del ciclo (difficile) e un'uscita alternativa (facile).

Secondo i miei “calcoli” la mia melodia si poteva abbinare a ben tre tonalità maggiori: quella di DO, SOL e FA. Per non essere banale ho scartato quella di DO e ho fatto due versioni: quella di SOL (D Am C G) e quella di FA (A# Dm C F)... Di seguito i risultati!

Melodia + Tonalità SOL: qui
Melodia + Tonalità FA: qui
Accompagnamento SOL: qui
Accompagnamento FA: e qui...

Ah! il titolo è “Marcetta della cugina stitica”...

Libro di Harari - 24/6/2014
Per quasi un anno ho tormentato i miei lettori scrivendo del corso di Harari: beh, finalmente potrò tormentare i miei lettori scrivendo del libro di Harari!
A fine maggio è stato infatti pubblicato il libro su cui era basato il corso e io sono stato uno dei primi acquirenti. Si tratta di Da animali a dèi – Breve storia dell'umanità di Yuval Noah Harari, Ed. Bompiani, 2014, trad. Giuseppe Bernardi.

A dire il vero per adesso non ho trovato idee o contenuti non presenti nel corso in linea, anzi, se la memoria non mi inganna manca pure una battuta molto ma molto carina e illuminante...
Comunque è bello avere la versione cartacea di tutto il materiale spiegato e, magari, nei capitoli successivi ci saranno gli approfondimenti ai quali ha più volte alluso l'autore durante il corso.

Nessun commento:

Posta un commento