«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

sabato 22 marzo 2014

Hugo 2

La lettura della raccolta di premi Hugo prosegue piacevolissevolmente! Un breve aggiornamento...

La stella di Arthur C. Clarke (vincitore nel 1956). Racconto brevissimo ma di grande impatto. Finale inaspettato: e non è facile sorprendermi.
Voto: 8 / 10

Se tutte le ostriche nei mari di Avram Davidson (vincitore nel 1958). Bo, non l'ho capito...
Cioè non è chiaro il finale: magari sono io che l'ho letto superficialmente. Forse è uno di quei racconti volutamente ambigui che vogliono lasciare al lettore la possibilità di interpretare a proprio piacere il finale. Io li odio! A me piacciono i fatti chiari, magari complessi, ma chiari. Detto questo il mio voto è quindi, specialmente in questo caso, molto soggettivo: non mi stupirei se ad altre persone piacesse moltissimo...
Voto: 5 / 10

Diretto per l'inferno di Robert Bloch (vincitore nel 1959). Divertente: il racconto gioca a far intuire al lettore il finale ma, quando tutto sembra ormai essere stato detto e fatto, ecco che c'è un colpo di scena che fa chiudere il libro con il sorriso sulle labbra. Sarebbe buffo immaginarsi cosa ne penserebbe il Leopardi...
Voto: 7 / 10

Comunque Asimov, nell'introduzione ai vari racconti, avrebbe potuto essere stato più chiaro sull'anno in cui i vari romanzi hanno vinto il loro premio: per adesso ho un 1955, ben tre 1956, un 1958 e un 1959!

Nessun commento:

Posta un commento