«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

sabato 31 marzo 2018

Fiorame

Anche oggi mi sono imbattuto in due nuovi fiori: di sicuro in un'Alliaria Comune e, forse (*1), in un Garofanino minore. Sfortunatamente ero senza macchina fotografica e quindi non ho foto...

Aspettando il momento opportuno per scaricare le foto (stamani, ad esempio, per un paio di ore Internet mi ha funzionato decentemente) intanto scrivo il pezzo.
Per ogni fiore indicherò il nome comune, quello latino (fa scena) e quanto sono sicuro che la mia identificazione sia corretta: infatti non sono un botanico ma sono solo “armato” del manuale “Che fiore è questo?” di Spohn, Aichele, Golte-Bechtle, Spohn, Franco Muzio Editore, 2014.

Nel corto Non opere di bene ma fiori avevo scritto di due fiori: rivediamoli con le foto...

Farfaro (o Tossilaggine comune) – Tussilago farfara – 100%
Questo è facile da riconoscere perché fiorisce prima di mettere le foglie. Nella foto i fiori sono un po' mosci: era da almeno una dozzina di giorni che erano fioriti...

Viola Mammola – Viola Odorata – 95%
All'epoca ero maggiormente incerto su quale tipo esatto di viola si trattasse ma adesso sono più sicuro: nel frattempo sono infatti sbocciate viole di diverso tipo (vedi poi) e potendo confrontarle diventa tutto più chiaro. Notare la foglia tondeggiante e il viola scuro del fiore.

Sempre nello stesso pezzo, nell'ultimo corto, scopro altri due fiori...

Veronica dei campi – Veronica arvensis – 98%
Ci sono moltissime varietà di Veronica ma l'unica con i fiori minuscoli è quella dei campi...

Calta palustre – Caltha palustris – 100%
Ranuncolo Favegello - Ranunculus ficaria – 100%
Questa è facile da riconoscere perché sembra avere una patina di umido sul fiore... che però nella mia foto non si vede...
Modificato 2/4/2018: Un'amica che si intende di botanica mi ha fatto presente le sue perplessità su quest'ultima identificazione. Secondo lei non si tratta di una Calta Palustre ma di un Ranuncolo Favegello (Ranunculus ficaria)...
Con scarsa convinzione (del resto ero sicuro al 100%) ho controllato e... ha ragione lei!!
Allora mi sono chiesto il motivo del mio errore ed è molto semplice: invece di aver fotografato o raccolto un esemplare mi ero imbattuto per caso nel disegno della Calta Palustre mentre cercavo altro; la somiglianza è notevole e anche la descrizione, soprattutto dell'aspetto lucido di fiori e foglie, coincideva. In genere poi per ogni fiore ci sono varie specie simili l'una dopo l'altra mentre in questo caso gli altri disegni vicini erano molto diversi: questo ha rafforzato la mia idea che non potesse che trattarsi di una Calta Palustre e così non ho più pensato a verificare esattamente...
Eppure c'è una differenza enorme fra Calta Palustre e Ranuncolo Favegello: il numero di petali dei fiori! Il mio libro cataloga i fiori proprio sul colore e numero di petali: la Calta Palustre ne ha 5 mentre il Ranuncolo Favegello da 8 a 12! Se avessi cercato tale fiore sul mio libro non avrei assolutamente potuto confonderli...
Vabbè, questa è stata una lezione molto utile: come mi spiegava la mia amica spesso le differenze fra le varie specie di piante sono molto sottili: a volte è necessario osservarne le radici, i frutti oppure altri particolari minori. Insomma sbagliarsi è molto facile!
Ah! Anche questo Ranuncolo ha i fiori e le foglie lucide...

Nel corto Altri fiori avevo accennato ad altri tre fiori. Eccoli...

Ranuncolo lanuto – Ranunculus lanuginosus – 90%
Non sono sicurissimo perché ci sono molte specie simili come il ranuncolo dei boschi. Questo è in effetti piuttosto peloso!
La foto non gli rende molta giustizia: era il primo fiore di questo tipo che vedevo e gli altri erano ancora in boccio: oggi, ad esempio, era già molto più colorato...

Ach! Del (presunto) geranio volgare non ho foto! Da me ne ho trovato solo una piantina ma l'ho visto anche in città, fra muro e marciapiede presso la fermata dell'autobus vicina a casa di mio padre. Immagino che fra qualche giorno ne appariranno tantissimi anche da me...

Primula comune – Primula Vulgaris – 100%
Di queste ho il giardino pieno mentre invece lungo la strada ne ho trovata solo una! In teoria dovrebbero essere solo gialle...

Infine nel corto Notte calda scrivevo della Stella di Betlemme...

Latte di gallina (o Stella di Betlemme) – Ornithogalum umbellatum – 100%
Certo che è proprio un bel fiore! Bisogna proprio essere insensibili al bello per chiamarlo “Latte di gallina”...

Infine nei giorni scorsi mi sono dimenticato di scriverne ma ho identificato altri due fiori:

Tarassaco comune – Taraxacum officinale – 99%
Di questi bei fiori gialli è pieno. La minima incertezza è dovuta alla grande varietà di specie simili: in particolare è apparso in contemporanea con quella che credo che sia “Radicchiella dei prati”...

Viola di Rivinus – Viola riviniana – 60%
Si distingue dalla mammola a causa del suo viola più chiaro e dalle foglie a forma di cuore. La mia grande incertezza sull'identificazione è con la “Viola silvestre” che a me pare uguale!

Prossimamente vedrò di pubblicare le foto dell'Alliaria comune e del garofanino (come detto oggi ero senza macchina fotografica) ma, soprattutto, voglio aggiungere anche le foto dei fiori che non mi è riuscito identificare...

Conclusione: è molto divertente fare passeggiate e fotografare i fiori per identificarli... e poi dà soddisfazione riconoscerli!

PS: Foto bonus...

Bisba a caccia di fiori

Due bulli che mi preparano un agguato

Nota (*1): torna tutto tranne che i petali non mi sembrano bilobati, ma forse il mio esemplare doveva ancora finire di svilupparsi completamente: verificherò nei prossimi giorni.

Nessun commento:

Posta un commento