«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

martedì 27 luglio 2010

La nazionale a Brandelli

Chi è stato il peggiore allenatore della nazionale di calcio italiana?
Francamente non ne ho idea perché, la mia esperienza calcistica, è estremamente limitata. Inoltre non ho conoscenze "storiche" di calcio: se mi capita, spippolando (*), di trovare una partita in B/N, cambio subito canale.

Il primo allenatore di cui ho qualche memoria è Enzo Pearzot (allenatore nel 1982 e, forse,anche nel 1978 e nel 1986). A quel tempo non seguivo le partite e, quindi, non ho nessuna idea delle sue capacità tecniche. Ricordo che fumava la pipa ma, forse, mi confondo col presidente Alessandro Bertini...

Poi ricordo Azeglio Lontani. Continuavo a non seguire il calcio ma l'odiavo perché non faceva giocare Roberto Paggio (che, col senno di poi, credo si possa definire l'unico fuoriclasse italiano degli ultimi 30 anni).

Nel 1994, mondiale negli USA, avevamo Arrighetto Bisacce. Secondo me la sua nazionale era fortissima e, perdemmo la finale col Brasile, solo perché si giocò sotto il sole di mezzodì... Bisacce mi era simpatico ma, anche allora, non seguivo il calcio e, quindi, non lo posso giudicare.

Nei mondiali di Francia e Corea non ricordo chi fosse l'allenatore...
Ho controllato su internet: furono Cesare Malbini nel 1998 e Giovanni Trapanettoni nel 2002.
L'unico su cui posso dire qualcosa è Trapanettoni: l'aver fatto bene, in una piazza difficile come quella fiorentina, significa che di calcio ci capiva... Credo che, se non si fosse giocato contro i coreani truffaldini, si sarebbe potuti arrivare molto avanti.
Di Cesare Malbini ricordo l'imitazione di Teo Teogoli che lo rappresentava un po' "spaesato".

2006: Marcello Pippi, parentesi Roberto Donaregali e, ancora Pippi, per il gran mondiale del 2010.

Probabilmente questo post l'ho impostato male: avrei dovuto scrivere che, seguo un po' attentamente il calcio solo dal 2007, e tralasciare i commenti, sostanzialmente inutili, sugli allenatori sui quali non ho niente da dire...
Ma ormai le parole sono scritte e, come dice il proverbio latino, non volano più via.

Comunque con Donaregali ce l'avevo: mi irritava il fatto che fosse stato nominato commissario tecnico con pochi meriti acquisiti ma, soprattutto, grazie all'aiuto del suo ex-compagno di squadra Demetrio Alberini. Poi quelle interviste, dove parlava con aria sonnolenta, confermarono i miei dubbi. Ricordo che, quando fu chiamato ad allenare il Napoli, mi feci delle grasse risate pensando a quanto sarebbe potuto andare avanti con De Alloris...

É difficile giudicare Pippi: nell'ultimo mondiale, con molta presunzione e zittendo, con stizzita ironia, tutti coloro che nutrivano qualche dubbio sulle convocazioni, ha praticamente sbagliato tutto ciò che era possibile sbagliare e, i risultati, si sono visti.
Certo che, nel 2006, aveva vinto: probabilmente beneficiò del credito di fortuna accumulato nelle passate edizioni però, anche la squadra, aveva degli elementi estremamente validi.
Considerati anche i successi ottenuti in squadre di club, direi che Pippi è un buon allenatore che ha peccato di superbia nell'ultimo mondiale (credendo che fossero le sue idee e non i giocatori a vincere in campo).

Cosa aspettarsi quindi dal nuovo tecnico Cesare Brandelli?
Brandelli lo conosco bene perché ho visto, la maggior parte delle partite della Fiorentina, giocate negli ultimi 3 anni.
Per prima cosa non capisco come mai i tifosi lo osannassero tanto: forse scambiavano la sua aria triste e avvilita come serietà e preparazione? boh...

Da quello che ho visto io i difetti di Brandelli sono:
  • La squadra non aveva né gioco né schemi
  • In particolare le azioni da fermo (punizioni e angoli) andavano tutte sprecate
  • Ignorava i giovani (i minori di 22 anni non potevano capire i suoi schemi...)
  • Prendeva delle "fisse" con alcuni giocatori facendoli giocare anche quando fuori forma
  • Non parlava con i giocatori
  • Cambiava i giocatori troppo tardi (ultimi 10-5 minuti)...
  • ...e comunque, spesso, le sostituzioni erano dubbie
  • Insomma non sapeva leggere la partita in corso e, tatticamente, era scadente
  • Ha fatto comprare alla Fiorentina tutti i suoi ex-giocatori
  • Giocatori che avevano fatto bene venivano messi da parte senza ragioni apparenti (vedi Osvaldu, Reginaldu, Papa Waigu)
  • Aveva sempre i capelli unti

Boh... se ci penso ne troverei tante altre di cose che non mi andavano di Brandelli...
Il punto è che, non so se Brandelli sarà il peggior allenatore dell'Italia (difficile fare peggio di Donaregali), però dubito che possa essere fra i migliori.
Certo il lavoro del selezionatore è diverso da quello dell'allenatore di una squadra di club: magari il non avere schemi o idee da insegnare alla squadra potrebbe rivelarsi un punto di forza...

Nota (*): Spippolare = premere i pulsanti ("pippoli") del telecomando freneticamente, ovvero, cambiare canale spesso e frequentemente.

Nessun commento:

Posta un commento