«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

martedì 6 febbraio 2018

Il chitarrista tetragono

Dopo le mie perplessità (v. il corto Chitarra a rischio) a gennaio ho cercato di impegnarmi di più e...
Mi sono esercitato 22 giorni su 31: un ottimo risultato!
Ho deciso quindi di continuare a studiare con la speranza di progredire un altro po'...

Intanto ieri mi sono registrato (base su “Guitar Pro 6” ma con la traccia della chitarra muta in maniera che non si confonda con la mia esecuzione) mentre suonavo il “solito” She is my sin: l'ho suonata due volte, la prima senza registrarmi, tanto per rinfrescarmi la memoria e non vi ho fatto errori se non un'incertezza sulla battuta finale (la 136). La seconda volta, quando mi registravo, invece ho commesso numerose incertezze e un errore grave (mi sono confuso e ho sbagliato accordo).

Vabbè, non mi crederete... Comunque ecco la seconda esecuzione (molto peggiore della prima): QUI...

Finalmente decente! - 7/2/2018
Finalmente ho letto un libro di fantascienza che mi ha appassionato: negli ultimi anni (senza considerare le riletture di opere già note!) avevo collezionato molte delusioni...

Si tratta di L'enigma di Star's Rest di Michael W. Gear, Editrice Nord, 1997, trad. Rita Botter Pierangeli. Comprato usato per 3€, condizioni perfette, 477 pagine!

Vi ho trovato un'idea originale molto interessante (l'amore del capitano per la sua nave spaziale) e una vicenda che, complessivamente, scorre bene e ti stuzzica per andare avanti nella lettura. Inoltre non risente troppo dell'età anche se scritto nel 1990 (tipicamente calcolatori non credibili). In particolare l'IA della nave è una dei protagonisti...
L'unica pecca il finale un po' prevedibile.
Voto: 7

Strano... - 9/2/2018
Articolo: Scuola, in arrivo il codice deontologico per gli insegnanti: niente insulti in chat, vietato parlare male dei colleghi di Alex Corlazzoli da IlFattoQuotidiano.it

È stato realizzato un codice deontologico per i professori. Non entro nel merito del contenuto, che comunque mi convince poco, ma dei soggetti che hanno prodotto tale documento: Save the Children e l'Associazione Nazionale dei Presidi. Mi sarei aspettato che, essendo un codice deontologico, il testo fosse realizzato da un'associazione di professori e non imposto loro dall'alto.

Soprattutto a che titolo è intervenuto Save the Children? Sembra quasi che i nostri studenti debbano essere salvati dai loro insegnanti...

Occorrerebbe poi leggere il testo vero e proprio per scovare eventuali magagne. Il mio sospetto è però che, ricalcando una proposta del ministero dell'Istruzione del 2002, si tratti di un documento con un fine politico: un codice non a tutela dei ragazzi ma semplicemente con lo scopo di limitare l'autonomia dei professori. Soprattutto non poter criticare la scuola mi pare una regola incomprensibilmente censoria...

Bravo comune - 13/2/2018
Nel pomeriggio di venerdì 9 segnalai al mio comune, tramite posta elettronica, un albero pericolante.
Oggi, martedì 13, mi sono accorto (quindi il lavoro potrebbe anche essere stato fatto ieri) che sono intervenuti tagliando la parte pericolosa del tronco!
Una fortunata coincidenza? Possibile ma molto improbabile...
Foto di qualche settimana fa...

L'improbabile è possibile - 14/2/2018
Spesso, parlando con l'uomo comune, è difficile fargli comprendere che l'improbabile è comunque possibile. È un concetto che a me appare ovvio ma, col tempo, mi sono reso conto che non lo è per tutti: spesso infatti ciò che è improbabile viene confuso con l'impossibile; lo 0,001% è considerato come uno 0%.

Ho così pensato il seguente esempio per far comprendere questo concetto:
«La probabilità che lei [il mio interlocutore] ereditasse dai suoi genitori il vostro particolare corredo cromosomico è di 1 su 2 alla 46 ovvero circa 0,0000000000001 (*1) cioè lo 0,00000000001%. È una probabilità molto molto piccola eppure si può verificare visto che lei è nato...»

Nota (*1): ho stimato il numero di zeri calcolando semplicemente 46*ln(2)/ln(10)=13.847

Nessun commento:

Posta un commento