«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

sabato 12 luglio 2014

Bai! Mi nam izze...

Spippolando su FB mi sono imbattuto nel seguente video (la parte faceta di questo pezzo: lo sottolineo per giustificare la vignetta!):
questo «Matteo Renzi - Discorso in Inglese (Sottotitolato) (Parodia) (HD)»

Modificato (13/7/2014): sempre riguardo al medesimo discorso di Renzi ho trovato questo collegamento che rimanda a possibili traduzioni dall'inglese dei passaggi più "maccheronici": molto divertente!

Come si intuisce già dal titolo si tratta di un video ironico che sbeffeggia l'inglese di Renzi.
Chiaramente si tratta di un “Meglio del peggio” ovvero sono stati montati insieme gli spezzoni (*1) più “maccheronici” di un suo discorso in inglese.
È evidente quindi che Renzi sappia esprimersi in inglese molto meglio di quanto sembrerebbe guardando solo questo filmato ma è altrettanto chiaro che conosce tale lingua a un livello comunque imbarazzante per un primo ministro di 39 anni.

Ciò che mi ha colpito non è stato però il suo inglese traballante quanto che lo abbia sfoggiato senza il minimo imbarazzo.
Trovo questa sua mancanza di autocritica estremamente significativa: Renzi non è uno stupido ed, evidentemente, conosce già le basi dell'inglese. Questo significa che gli sarebbe bastato un corso intensivo, e certo i soldi non sarebbero stati un problema (*2), per padroneggiarlo a un livello accettabile.
Questa incapacità nel sapersi valutare equamente mi sembra significativa e preoccupante: mi dà la sensazione che, a forza di sforzarsi di sembrare bravo e internazionale, abbia finito per credere di esserlo realmente!

Questa paradossale inversione mentale non è un'idea mia ma di Confucio, l'originale era (vado a memoria): "i cattivi ministri, a forza di sforzarsi di sembrare onesti, finiscono per credere di esserlo veramente". Per analogia, nel caso di Renzi non si tratterebbe di onestà (*3) ma di capacità.

Al riguardo segnalo una mia perplessità che avevo espresso pochi giorni fa in Dove va Renzi?.
In particolare mi riferisco a questa mia affermazione: «Un'altra possibilità è che Renzi stia iniziando a credere alle proprie favole: che creda magari di poter realmente rilanciare l'economia italiana senza misure significative ma solo con la forza delle sue chiacchiere?»
Avevo ipotizzato ciò ben prima di vedere il video ma esso sembra confermare, almeno a livello psicologico, questa capacità di autoingannarsi.

Insomma avevo già avuto la sensazione che Renzi si sopravvalutasse e l'esibizione pubblica del suo inglese pare confermarlo.

Nota (*1): cercando su Internet si trova anche la versione completa da cui è tratto...
Nota (*2): costo zero: dato che si fa rimborsare di tutto e di più, figuriamoci qualcosa di legittimo come un corso di lingua!
Nota (*3): la Corte dei Conti si è già espressa per quando era presidente della provincia...

Nessun commento:

Posta un commento