«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

sabato 18 maggio 2013

L'arte del camminare

Ho letto un libro che non comprerei né leggerei (quasi!) mai.
Si tratta di L'arte del camminare di Luca Giannotti, Ediciclo Editore, 2011.

E infatti non l'ho comprato ma mi è stato regalato un paio di natali fa: in genere non compro manuali su argomenti così vaghi e che mi interessano poco o niente.
Per un paio di anni questo libretto (è sulle 150 pagine) è rimasto in uno scaffale della libreria che tengo in camera poi un giorno, non saprei dire nemmeno io il perché, ho deciso di provare a dargli un'occhiata e l'ho promosso “libro da WC”: ovvero un libro da leggere mentre sono in bagno...

Fin da subito mi è piaciuto. L'autore non ha la pretesa di voler insegnare tutto a tutti sul “camminare”. Piuttosto è consapevole della vastità della materia e si limita a soffermarsi, con brevi capitoli di 3-5 pagine, su tutta una serie di argomenti connessi al camminare.
È un libro scritto col cuore da una persona che crede realmente in quello che scrive. Ma non c'è solo emozione ma anche delle riflessioni apparentemente semplici ma in realtà profonde: non per nulla l'autore è anche laureato in filosofia!

È un libro con tanto buon senso il cui messaggio principale è forse quello che il camminare non è solo una sfacchinata dal punto A al punto B, magari il più veloce possibile, ma che è, o almeno dovrebbe essere, un'esperienza interiore: un abbandonare il quotidiano per ritrovarsi con sé stessi. L'entrare in una dimensione dal ritmo diverso da quello al quale la società moderna ci ha abituato: un ritmo che permette di guardarsi intorno e vedere con occhi diversi ciò che ci circonda.

Ah! Il libro presenta una grave controindicazione: fa venir voglia di mettersi a fare lunghe escursioni a piedi! Lunghe perché, per potersi depurare dalle tossine del quotidiano, sono necessari almeno tre giorni...

In conclusione non saprei dire se questo libro è per tutti: ci vuole un minimo di sensibilità filosofica (chiamiamola magari “apertura mentale”) per apprezzarlo; sicuramente lo consiglio a tutti coloro minimamente interessati all'esperienza del camminare anche in senso estremamente lato...

Nessun commento:

Posta un commento