«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

mercoledì 2 novembre 2011

Ipocrisia in salsa tzatziki

Secondo i telegiornali “l'Europa preoccupata per il referendum in Grecia”. Fin qui è vero. Però poi i telegiornali proseguono e spiegano “a causa dei costi”!
La vera paura non è certo quella dei costi quanto che il popolo greco si esprima liberamente e che, come molto probabilmente avverrebbe, bocci i vari piani di austerità con conseguenze incerte per tutto il continente...


Aggiornamento pulci 6-Novembre-2011
Ho passato due notti tranquille e ieri niente morsi. Ovviamente non abbasso la guardia e continuo a sterilizzare al minimo sospetto: vedremo...

Bilancia out of order 6-Novembre-2011
Venerdì mattina, dopo molti mesi, mi sono dimenticato di pesarmi. Sabato ho provato a farlo ma ho scoperto che la bilancia non funzionava più!
Io credo che siano le pile a essersi semplicemente esaurite anche se, per coincidenza pulci, ho dato alla bilancia una bella dose di vapore.
Domani, se me ne ricordo, ricomprerò la batteria e ne approfitterò per iniziare un nuovo grafico.

Balbettio misterioso 9-Novembre-2011
È risaputo che l'etimologia greca di “barbaro” è "balbettio": per i greci i barbari erano coloro che non parlavano il greco. Oggigiorno invece tale termine indica un appartenente a una nazione considerata arretrata e incivile. Ad esempio, in Erodoto, i persiani vengono definiti barbari nonostante abbiano un impero civilissimo. Attualmente sto leggendo le Storie di Polibio. Polibio nonostante narri la storia romana (le guerre puniche) scriveva in greco e lo conosceva bene in quanto nativo di Megalopoli e, come lui stesso tiene a sottolineare, di stirpe achea. Nel terzo libro descrive le imprese di Annibale in Iberia (prodromi della seconda guerra punica) ed è qui che definisce “barbari” una popolazione indigena che attacca l'esercito cartaginese. Ma perché distinguere gli indigeni dai cartaginesi chiamandoli “barbari”? Dopotutto pure i cartaginesi non parlavano il greco ma il fenicio! Non si tratta di un errore di traduzione perché mi è facile identificare nel testo a fronte la parola βαρβάρωυ come “barbar...”...
Possibile quindi che, già in Polibio, il termine iniziasse ad assumere la sfumatura di “non civilizzato”?

Api di campagna 12-Novembre-2011
Ho notato una certa somiglianza fra i Bee Gees e i Cugini di campagna...
Sono dello stesso periodo?

Nessun commento:

Posta un commento