«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

giovedì 19 maggio 2011

Buccia malata

Che noia! proprio non capisco...
Da circa due settimane, forse qualcosa di più, ho uno strano mal di gola che non riesco a debellare. Strano perché non l'ho mai avuto di questo genere: inutile entrare nei dettagli dei sintomi ma dico solo che assomiglia al classico mal di gola invernale che prende alle tonsille senza però la sua normale evoluzione.
Comunque stasera vado dalla dottoressa ma già temo che non arriverà a niente...

Sarebbe ora... 20-Maggio-2011
Secondo la grammatica quando si usano parole inglesi in italiano queste non devono mai essere declinate. Cioè si deve scrivere, ad esempio, "ho mangiato tanti cookie" e non "ho mangiato tanti cookies". Eppure mi sento un ignorante a non aggiungere la "s" finale. Forse sarebbe tempo di cambiare questa regola almeno per l'inglese...

Dimenticanza 21-Maggio-2011
Nel mio post Erodoto e le Storie tese mi ero dimenticato di precisare un fatto che mi aveva molto colpito: l'importanza dell'oracolo di Delfi.
In Grecia di oracoli ce ne erano molti ma l'unico universalmente ritenuto affidabile era quello di Delfi. A leggere Erodoto sembra che nessuna decisione importante venisse presa senza prima consultarlo.
Questo aiuta a capire come mai anche Socrate (469-399 a.C.), quando era giovane e in cerca di un maestro, sia ricorso a tale oracolo. Socrate chiese chi fosse l'uomo più sapiente di Grecia e la Pizia rispose “Socrate stesso è il più sapiente”. Sul momento Socrate ne rimase sconcertato ma in seguito il senso dell'oracolo gli divenne chiaro quando si rese conto che la sapienza sta nella consapevolezza di non sapere...

Record! 23-Maggio-2011
Ho fatto un punteggione a Word Challange (un gioco su FB...) e ora posso smettere di giocarci!

Vola coccinella! 24-Maggio-2011
Inspirato dal bel post Coccinella vola! mi è venuta voglia di cimentarmi nella creazione di una filastrocca popolare sul simpatico animaletto.
Fortunatamente i due modelli presentati nel post sopraddetto sono molto corti e così, dovendomi limitare a quattro versi, non sono caduto nel boccacesco (dove per natura tenderei a finire...). Di seguito la mia creazione:

Vola, coccinella, vola!
Il babbo il vino scola,
Nonnina ha preso fuoco,
E mamma si fa il cuoco.
Vola, coccinella, vola!

Nessun commento:

Posta un commento