«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

sabato 28 agosto 2010

Sugo al tonno

Questa ricetta è un mio classico. La ricetta originaria mi fu data dalla madre di un mio amico e io, nel corso degli anni, ci ho apportato varie modifiche.

Ingredienti per 2 persone (porzioni MOLTO abbondanti: se siete tirchi basta anche per sei...):
  1. scatoletta di tonno (sui 200gr)
  2. barattolo di pelati
  3. 1 cipolla media (o mezza se grande)
  4. vinaccio bianco (*)
  5. sale + olio + pepe
  6. aglio (***)
  7. peperoncino
  8. Opzionale: olive (**)
  9. Opzionale: capperi

Istruzioni:
  1. Mettere un po' d'olio in una padella grande anti aderente: non troppo olio perché il tonno della scatoletta ha il suo
  2. Tritare uno spicchio d'aglio e metterlo a soffriggere in padella
  3. aggiungere la cipolla tritata
  4. Dopo qualche minuto di cottura a fuoco medio (stando attenti a non bruciare l'aglio) aggiungere la scatoletta di tonno (dopo averne scolato la maggior parte dell'olio)
  5. Mescolare e far insaporire
  6. Aggiungere mezzo bicchiere di vino bianco
  7. Alzare la fiamma fino alla completa evaporazione (attenzione a non bruciare)
  8. Aggiungere la scatoletta di pelati con un poco d'acqua
  9. Salare e pepare
  10. Aggiungere tre peperoncini (o meno in base al proprio gusto) tritati
  11. Far cuocere a fuoco basso per circa 20 minuti
  12. Opzionale: a metà cottura aggiungere le olive opportunamente snocciolate e fatte a pezzetti
  13. Opzionale: a metà cottura aggiungere i capperi (scolandoli per bene perché altrimenti potrebbero rendere acidulo il sugo)

Nota (*): per "vinaccio bianco" intendo un vino poco costoso. Per cucinare io uso quelli nei brick che si trovano al supermercato e costano poco...

Nota (**): io uso quelle da snocciolare nere perché mi sembrano più buone però anche quelle già snocciolate vanno bene...

Nota (***): mi raccomando usate aglio italiano. È incredibile la differenza di aroma che c'è fra il nostro aglio e quello importato! Ovviamente evito accuratamente l'aglio cinese (per questo anche quello sudamericano) perché non ho idea di quali porcherie chimiche siano state usate per farlo arrivare da noi...

Nessun commento:

Posta un commento