«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

sabato 16 dicembre 2017

Sogno/allucinazione

Continuo a essere veramente mezzo e mezzo: non proprio malato ma neanche sano.

Stanotte ho avuto una specie di sogno/allucinazione (io ero un po' sveglio ma non del tutto) che si è ripetuto fino a quando non mi sono alzato.
Il protagonista era il padre di un mio amico che si trovava di fronte a una serie di scelte tutte negative: il sogno consisteva nel visualizzarle una a una per poi ricominciare da capo.
Ora non ricordo più i dettagli ma c'era anche a un punteggio che variava in base alle azioni compiute.

Non era un incubo perché non faceva paura, però era estenuante perché mi impediva di dormire...

Conclusione: forse avevo un po' di febbre?

Cariatide - 20/12/2017
Conoscevo già il termine “cariatide” nel significato sia di statua femminile usata come colonna che di persona anziana ma non la sua etimologia.
Ho scoperto che “cariatide” deriva da “Caria”, una regione costiera dell'Anatolia, da cui gli ateniesi avevano condotto in patria delle prigioniere che erano stata poi rappresentate come statue/colonne in un tempio. Gli altri significati si basano sulla similitudine con l'immobilità delle statue.
Un anziano che sta fermo immobile seduto su una sedia può, ad esempio, esser definito “una cariatide”.
La cosa buffa è che da bambino (beh, in realtà fino a qualche giorno fa!) pensavo che “cariatide” derivasse da “carotide” e che, quindi, un anziano con le vene in rilievo e ben visibili sulla pelle venisse per questo definito “una cariatide”!

Indagine - 20/12/2017
Dal marzo 2013 esercito la memoria imparando il significato dei vocaboli che incontro nei libri che leggo (v. il paragrafo conclusivo di Ank'io) e, inevitabilmente, alcune di questi finiscono per entrare a far parte del mio vocabolario: dopotutto, secondo il programma, oramai conosco in maniera “matura” ben 687 nuove parole...
Volevo quindi provare a fare una stima del mio uso dei nuovi termini che ho appreso semplicemente contando il numero di volte che questi appaiono nei miei pezzi (*1).
L'idea è rileggere tre pezzi ad aprile 2013 (mi aspetto un bello zero), poi a settembre 2013, aprile 2014 e così via. Magari escludendo i corti, racconti e poesie che potrebbero avere una percentuale anomala di termine più “ricercati”.

Conclusione: cosa verrà fuori? Sono curioso...

Nota (*1): tanto li riconosco perché ne so a memoria la definizione!

Bisba non salta dalla finestra! - 25/12/2017
Infatti mangia anche la minestra!
E non intendo una leccatina disgustata ma una quantità discreta di minestra di verdure, con un filo di parmigiano... e le è piaciuta anche parecchio: poi si è messa di impegno a leccare la scodella vuota...

Che mangia anche le croste di pecorino e le bruciate l'ho già scritto vero?

Dieta disintossicante - 29/12/2017
Una mia idea: da ieri sera assumo solo liquidi. Succhi di frutta, latte, spremute, tè...
Idem oggi. Domani dovrei tornare alla mia normalità.

Una controindicazione, credo causata dalle tante vitamine dei succhi, è che stanotte non ho chiuso occhio e ho dormito appena quattro ore. Comunque sono ipervispo e per nulla stanco!

Nessun commento:

Posta un commento