«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

giovedì 19 aprile 2012

Capisco un tubo

Come al solito le premesse sarebbero ben più complesse ma, per semplicità, semplifico il racconto.

In cucina, sotto l'acquaio, si rompe un vecchio tubo di rame. La prima idea è quella di chiamare un idraulico per aggiustarlo ma, come forse ho già avuto modo di spiegare, non è facile trovare qualcuno disposto a venire fin da me per un piccolo lavoretto come questo...

Il tubo da sostituire e i "soliti" curiosi

Grazie a un amico idraulico ricevo però dettagliate istruzioni su cosa fare per cambiarlo nonché un tubo di plastica di ricambio, un raccordo di plastica e un tubetto con una sostanza lubrificante.

La teoria è semplice:
  1. scollegare tutti i tubi che affluiscono al tubo rotto (in pratica lavastoviglie e lavabo)
  2. tagliare il tubo rotto
  3. inserire il raccordo
  4. Inserire il nuovo tubo di plastica
  5. ricollegare tutto
beh, poi c'erano un paio di consigli ai quali stare attenti ma l'essenziale è quanto ho scritto...

Una volta scollegati gli scarichi del lavabo la mia prima preoccupazione è stato misurare la lunghezza del vecchio tubo: l'idea era che, una volta aggiunti raccordo e nuovo tubo, la loro lunghezza complessiva avrebbe dovuto essere la stessa.
Poi, infilandomi sotto il lavandino, con un seghetto ho tagliato il vecchio tubo.

Vecchio tubo e un pezzettino avanzato del nuovo


L'aggiunta del raccordo e del tubo di plastica non ha creato nessun problema.

La dimensione originale che avevo misurato era 23,5 cm. Forse sbagliando ho optato per tagliare il nuovo tubo in maniera che la lunghezza fosse di 24 cm.
Poi ho provato a rimontare tutto ma non c'era verso! E il problema era ben maggiore del mezzo centimetro che avevo lasciato in più...

Allora, osservando il vecchio tubo e confrontandolo col nuovo, mi sono accorto che quello vecchio si inseriva nel pozzo (si chiama così?) del lavandino per ben 3 cm. mentre il nuovo vi entrava solo per 1,5 cm...

Così, come tutti i bravi idraulici, ho fatto un po' di matematica e sono arrivato alla conclusione che avrei dovuto accorciare il tubo di altri 2 cm (che poi ho approssimato a 3 perché il raccordo mi dava un margine di almeno 4 cm...).

La differenza è 2 cm...

E voilà il gioco è fatto...

Fatto!

2 commenti:

  1. Dalla foto sembra un ottimo lavoro,pulito e preciso.Complimenti!Io ho sempre avuto un po' di paura a lavorare con i tubi dell'acqua....

    RispondiElimina