«[Figlio dell'uomo] Porgi l'orecchio e ascolta le parole di KGB
e applica la tua mente alla SUA istruzione
» Pv. 22,17

Qui si straparla di vari argomenti:
1. Il genere dei pezzi è segnalato da varie immagini, vedi Legenda
2. Istruzioni per i nuovi lettori (occasionali e non) qui
3. L'ultimo corto è questo

mercoledì 10 marzo 2010

Posto Vino

Stanotte ho ridormito male. Terza notte di fila.
Risultato: non ho voglia di scrivere, non ho idee e non mi piace questo blog.

Però mi piace la lista, con i titoli dei post, sulla colonna di destra. Onanisticamente mi piace chiuderla ed aprirla.

Allora, dopo pranzo, ho provato a chiudere gli occhi e a lasciar correre liberi i miei pensieri come se fossero un gregge di pecore. Ogni pecora un pensiero.
La mia idea era di osservarle, senza farmi vedere, per cercare di scovare una pecora/pensiero adatta per il blog.
Credo infatti che i post debbano essere interessanti, magari a volte divertenti, ma che comunque debbano dare a chi li legge un qualcosa in più che prima non aveva. Che sia una riflessione o un sorriso non importa.
Non pensate però a un gregge enorme che ricopra le classiche verdi colline erbose: il mio gregge infatti, causa insonnia, è composto oggi da una decina scarsa di pecorucce tristi, secche e pulciose.
Idealmente mi sarebbe piaciuto trovare una bella pecora nera: qualcosa di raro e originale per antonomasia, per poterci scrivere sopra un post altrettanto particolare.
Invece no...
Le mie pecore, invece di mettersi in evidenza esplorando i campi alla ricerca di prelibate erbette, se ne stanno tutte insieme, in gruppo, quasi fossero un gregge, a masticare gli stessi stentati ciuffi erbosi. Sembrano tutte uguali e si confondono, tanto fra loro, quanto con i miliardi di pecore degli altri pastori del pianeta. Se mi mettessi a contarle mi addormenterei tanto sono noiose...

Quindi, come diceva George Clooney in una famosa pubblicità, "No pecora nera. No post".

Nessun commento:

Posta un commento